Il Bonus Gas 2018 è una riduzione della bolletta del gas per le famiglie numerose e a basso reddito, valido per il gas naturale distribuito a rete (non per il gas in bombola o per il GPL). È stato introdotto dal Governo con il DM 28/12/2007 e reso operativo dall’Autorità per l’energia, con la collaborazione dei Comuni.
 
Per poter accedere a questo bonus sono necessarie due condizioni:
- essere un cliente domestico titolare di una utenza Gas naturale con un contratto di fornitura diretto o con un impianto condominiale;
- avere un ISEE 2018 non superiore a 8.107,5 euro o, per le famiglie numerose (più di tre figli a carico), non oltre i 20.000 euro. Se non si ha ancora l’attestazione ISEE 2018, è obbligatorio e necessario chiedere la Dichiarazione Unica Sostitutiva presso l’INPS (anche online).
 
Per effettuare la richiesta, i cittadini devono presentarsi presso il Comune di residenza o presso il CAF con l’attestazione ISEE e con l’apposita modulistica da compilare per la domanda (i moduli sono reperibili sia presso i Comuni, sia sui siti internet dell’Autorità per l’energia o del Ministero dello Sviluppo Economico o Anci). All’interno della richiesta è opportuno fornire tutte le indicazioni relative al titolare e alla tipologia della fornitura.
 
Il Bonus Gas prevede solitamente un risparmio del 15% sulla spesa media annua presunta. Il suo valore dipende dalla tipologia di utilizzo del gas, dal numero di persone residenti nella stessa abitazione e per la zona climatica di residenza che tiene conto delle diverse esigenze delle varie località .
 
I cittadini aventi diritto al Bonus Gas potranno calcolare il valore dello sconto in bolletta tramite il calcolo online dell’importo del Bonus Gas per Comune, tipologia di utilizzo del gas e componenti della famiglia. Il bonus è valido per 12 mesi e, entro due mesi prima della scadenza annuale, il cittadino che ritiene di possedere ancora i requisiti necessari può inoltrare una richiesta di rinnovo (per altri 12 mesi).
 
La richiesta avrà le stesse modalità di presentazione al Comune di residenza o al CAF. Una volta ottenuto il bonus sarà visibile in bolletta con uno specifico messaggio: “La sua fornitura è ammessa alla compensazione della spesa per la fornitura di gas naturale (cosiddetto bonus sociale gas) ai sensi del decreto-legge n. 185/08. La richiesta di rinnovo deve essere effettuata entro mm/aaaa”.
 
Ai clienti che usufruiscono di impianti di riscaldamento centralizzato e non hanno, per il riscaldamento, un contratto diretto verrà inviata una comunicazione che li invita ad andare a ritirare il bonus presso gli sportelli delle Poste Italiane utilizzando lo strumento del bonifico domiciliato.
 
Coloro che hanno provveduto a presentare la domanda tramite l’apposito modello al Caf possono verificare l’accettazione o il respingimento della domanda:
- recandosi presso il Comune di residenza, CAF o Comunità Montana, ecc., presentando la ricevuta rilasciata dall’operatore alla consegna della domanda;
- controllando direttamente la bolletta nel quale sono evidenziati, sia l’avvenuta ammissione alla compensazione, sia il dettaglio dell’importo relativo all’applicazione del bonus;
- verificando lo status della propria pratica online: sul sito www.bonusenergia.anci.it;
- chiamando il numero verde 800.166.654, attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 8 alle ore 18 e fornendo il codice fiscale e il numero identificativo dell’istanza.
 
Nel caso in cui il diritto al Bonus Gas non sia riconosciuto è possibile fare ricorso presentando un reclamo formale presso lo Sportello del consumatore. Per migliorare i consumi di gas ed energia, Zeus Energy Group è a disposizione per offrire supporto nell’apertura e gestione della pratica di richiesta Ecobonus
.
 
 
 
 
 
Salva Segnala Stampa Esci Home