Tutti possono votare fino a lunedì 8 ottobre 2018 i prossimi vincitori del 25° Premio del Volontariato Internazionale FOCSIV 2018 nelle due diverse categorie: Giovane Volontario Europeo e Volontario dal Sud. Un riconoscimento che valorizza l'impegno di tanti che hanno deciso di fare una scelta di valore.
 
Dieci i candidati che, a seconda delle proprie competenze e caratteristiche del servizio svolto, ambiscono ad essere Giovane Volontario Europeo, riconoscimento che valorizza la dimensione giovanile del Volontariato proposta dai vari programmi europei - Servizio Volontario Europeo, Programma Erasmus+,  Servizio Civile Nazionale italiano all’estero, Service Civique Francese, EU Aid Volunteers, etc. - con impegni diversi in contesti di cittadinanza attiva, impegno sociale, inclusione, in Europa e nel Mondo.
 
Oppure, Volontario dal Sud, premio consegnato solo negli ultimi due anni, le cui candidature sono proposte dalle associazioni rappresentanti le diverse diaspora, un riconoscimento che valorizza l'impegno dei tanti immigrati che dall'Italia, con progetti di co-sviluppo, si adoperano alla crescita del proprio Paese di origine oppure sono impegnati nella propria terra con progetti volti ai più vulnerabili o allo sviluppo della propria Nazione.
 
Per tutti il criterio preferenziale è stato l’impegno nell’ambito di interventi tesi a promuovere lo Sviluppo Umano Integrale, secondo lo spirito tracciato cinquant’anni orsono dall'Enciclica di Paolo VI Popolorum Progressio, riconfermata ed ampliata dalla Laudato si’.
 
Per esprimere il proprio voto e scegliere i volontari preferiti, uno per ciascuna categoria, basta accedere al sito dedicato cliccando sul banner qui sotto, guardare i video, leggere cosa dicono di loro e votarli; per ciascun candidato è possibile condividere la scheda su Facebook e Twitter, con l’hashtag #ViPremio2018 e invitare sostenitori e amici a fare lo stesso. Allo stesso tempo, anche la giuria dovrà esprimere il proprio parere.
 
 
 
 
“Il volontariato è da sempre una scelta di valore, un modello individuale di responsabilità civile e sociale verso il proprio Paese, la propria comunità e, soprattutto, verso sé stessi. È proprio nell'acquisizione delle competenze, trasversali e professionali, che l'impegno nel volontariato diventa un momento di crescita per chi decida di volersi confrontare con realtà diverse dalla propria e condividere un pezzo della propria vita a favore degli altri. Qui sta il senso profondo di venticinque anni del Premio del Volontariato Internazionale FOCSIV”, ha sottolineato Gianfranco Cattai, presidente FOCSIV.
 
“In quarantasei anni, con le nostre organizzazioni sono partiti 27.000 volontari internazionali e giovani in Servizio Civile, molti dei quali hanno fatto di questa esperienza una scelta di vita, trasformandola, arricchendola e consegnandole un valore che oggi permea tutta il loro agire ed al cui centro è l'attenzione verso gli altri e se stessi. L'anno di volontariato o comunque gli anni dedicati a questo servizio, qualsiasi decisione sia stata intrapresa successivamente a questo periodo, è una spinta per la crescita individuale come cittadini responsabili; persone in grado di innescare un processo che possa attuare cambiamenti ambientali, sociali, civili a favore dell'Umanità. Oggi più che mai abbiamo bisogno di loro, quindi, prima i volontari”.
 
Oltre alla consegna dei Premi prevista a Roma per il prossimo 29 novembre, in vista del 5 dicembre Giornata Mondiale del Volontariato stabilita dalle Nazioni Unite, la cerimonia di premiazione sarà anche un momento di analisi sul valore, per i giovani, dell'esperienza di volontariato, dando rilievo soprattutto a quali siano state le competenze, anche trasversali, acquisite grazie a questo impegno lungo dodici mesi.
 
Nel programma, inoltre, è anche incluso “Volunteering and youth Employability: it’s easy! New approaches to recognize and measure soft skills developed while volunteering abroad”, il seminario conclusivo sui risultati del Progetto “EaSY - Evaluate Soft skills in international youth volunteering” promosso dalla Agenzia Nazionale per i Giovani nell’ambito del programma Erasmus Plus.
 
 
Salva Segnala Stampa Esci Home