Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Sono quasi 300 milioni i cristiani che vivono in terre di persecuzione

Pubblicato il nuovo studio di Aiuto alla Chiesa che Soffre “Perseguitati più che mai. Focus sulla persecuzione anticristiana tra il 2017 e il 2019”.

Le persecuzioni contro i cristiani, il gruppo religioso che ne soffre maggiormente nel mondo, non smettono di aumentare. Sono quasi trecento milioni quelli che vivono in Paesi dove professare la propria fede in Cristo è pericoloso. Dopo i duri attacchi militari al fondamentalismo islamista in Medio Oriente, la violenza degli estremisti jihadisti si è spostata in Africa e in Asia meridionale ed orientale.

È quanto emerge dal nuovo studio della fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre Perseguitati più che mai. Focus sulla persecuzione anticristiana tra il 2017 e il 2019, che ha analizzato le situazioni dei venti Stati che destano maggiore preoccupazione per le minoranze cristiane. A Siria, Iraq, Arabia Saudita, Iran, Pakistan, India, Myanmar, Cina, Corea del Nord, Filippine e Indonesia in Asia ed Egitto, Eritrea, Sudan, Niger, Nigeria e Repubblica Centrafricana in Africa, si sono aggiunti, nel periodo in esame, Sri Lanka, Camerun e Burkina Faso.

Il motivo principale di questo spostamento delle persecuzioni è dovuto alla sconfitta dello Stato Islamico nel nord dell’Iraq e in gran parte della Siria. Il terrorismo è, così, semplicemente migrato in altre aree del mondo: il solo uso della violenza non risolve i problemi. Così, gli attacchi anticristiani più eclatanti dalla metà del 2017 si sono verificati in Asia meridionale e orientale. In Sri Lanka, nel giorno di Pasqua sono state uccise 258 persone.

In Africa la situazione è altamente drammatica, perché sempre più formazioni jihadiste colpiscono i cristiani in sempre più Paesi. E il prezzo lo pagano anche i sacerdoti e i religiosi: dei diciannove uccisi nel mondo nel 2019 (diciotto sacerdoti e una suora), quindici sono stati assassinati nel continente africano, di cui tre in Burkina Faso.

Purtroppo, le migliorate relazioni diplomatiche tra i capi delle nazioni occidentali e i loro omologhi di regimi come quelli della Corea del Nord o della Cina non devono far pensare a miglioramenti delle condizioni dei cristiani in queste nazioni. Ai trattati di cooperazione economica non corrisponde un allentamento della persecuzione religiosa.

Leggi qui il focus completo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print