Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

L’acqua è la benedizione della Terra

Il messaggio della CEI per la Giornata del ringraziamento si affianca al sussidio vaticano con sfide e proposte operative sul tema.

Sono molti i modi con cui Dio benedice la nostra Terra, ma quando noi Lo ringraziamo l’acqua è il dono più importante per cui farlo: «Dalle tue dimore tu irrighi i monti, e con il frutto delle tue opere si sazia la terra» (Sal 104, 13). Nel racconto della creazione si parla del giardino dell’Eden, in cui l’essere umano viene posto quale custode e coltivatore, come un luogo ricco di fiumi, che permettono alla natura di essere accogliente e vivificante (Gen 2,10-15).

È con questi riferimenti biblici che si apre il messaggio sull’importanza dell’acqua scritto dall’Ufficio nazionale per i problemi sociali e il lavoro della CEI in occasione della settantesima Giornata nazionale del ringraziamento, che si terrà domenica 8 novembre 2020. Il documento mette in rilievo gli attuali problemi idrici globali e le sue conseguenze, che sono catastrofiche. Ma la saggezza umana è in grado di utilizzare le acque e poi depurarle, in un circolo virtuoso: esse sono segno di purificazione e l’uomo è in grado di mantenerle pure grazie alla tecnologia.

Non va mai dimenticato, infatti, che l’acqua è un bene collettivo e l’utilizzo deve essere rispettoso della sua destinazione universale. Essa non può essere considerata una merce qualsiasi, tale da giustificare privatizzazioni improprie. Ha una valenza pubblica, che l’autorità politica deve regolamentare per evitare speculazioni e gestioni che ne limitino l’accesso a chi non se la potrebbe più permettere.

Anche il Dicastero vaticano per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale si è occupato di acqua, facendo uscire il sussidio Aqua fons vitae. Orientamenti sull’acqua: simbolo del grido dei poveri e del grido della Terra. Nel documento, si distinguono tre dimensioni dell’acqua: per l’uso umano; quale risorsa in attività come l’agricoltura e l’industria; come superficie di fiumi, falde acquifere sotterranee, laghi, mari e oceani. A ogni aspetto, il testo associa le relative sfide e proposte operative per accrescerne la consapevolezza e per l’impegno a livello locale. La parte finale propone una riflessione sull’educazione per un nuovo umanesimo e per una cultura di incontro e collaborazione sulla questione e sulla lotta contro la corruzione e la violenza collegate all’acqua.

Clicca qui per scaricare Aqua fons vitae

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print