Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Il rosario pregato da un milione di bambini

Aiuto alla Chiesa che Soffre invita a partecipare a questa iniziativa globale per l’unità e la pace nel mondo, predisponendo dei materiali.

Un milione di bambini pregano il rosario: è questo il titolo dell’iniziativa globale a cui la fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre invita a partecipare. Questa campagna per l’unità e la pace nel mondo prevede che i bambini si mettano a pregare il rosario domenica 18 ottobre (o lunedì 19 ottobre nelle scuole e negli asili) assieme alle famiglie, ai catechisti e ai maestri. Il suo scopo principale è quello di mostrare che la preghiera fiduciosa dei bambini arriva direttamente al cuore di Dio e che, per questo, ha un grande potere.

L’idea della campagna è nata da un episodio avvenuto nel 2005 a Caracas, la capitale del Venezuela. Un giorno, presso un’edicola votiva lungo la strada, c’era un gruppo particolarmente nutrito di bambini che pregavano il rosario. Le donne presenti sentirono una forte presenza, quella della Vergine Maria, e pensarono immediatamente a una profezia di Padre Pio: “Quando un milione di bambini prega il rosario, il mondo cambierà”. Il 18 ottobre è stato scelto perché, oltre a essere un giorno del mese dedicato al rosario, è la festa di san Luca Evangelista, il quale ci ha raccontato la storia dell’infanzia di Gesù e, secondo la tradizione, è stato vicino alla Madonna.

Per aiutare a partecipare alla campagna e per fornire un’ispirazione a chi segue l’iniziativa nei vari posti del mondo, ACS ha predisposto dei materiali disponibili in ventisette lingue. Dal sito web dell’associazione caritativo-pastorale si possono scaricare un kit di preghiera, che propone il modo di recitare il rosario, la Consacrazione dei bambini alla Madre Celeste e il Rosario gaudioso per i bambini, e alcuni disegni da colorare.

Clicca qui per partecipare a Un milione di bambini pregano il rosario e scaricare i materiali

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print