Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Il corretto utilizzo su internet delle foto con persone

Parrocchie ed enti religiosi devono rispettare la privacy delle persone quando pubblicano immagini su siti web e social network.

L’utilizzo e la divulgazione di immagini che contengono informazioni di carattere personale relative a una persona identificabile, tra cui il credo religioso o l’adesione a un’organizzazione di carattere religioso, potrebbe riguardare ciò che il codice della privacy chiama dati sensibili. Essendo questi tutelati, una parrocchia o un qualsiasi ente ecclesiastico o religioso deve fare attenzione nel momento in cui intenda rendere pubbliche delle fotografie sul proprio sito internet o sui propri social network.

Un tutorial dell’Associazione WebCattolici Italiani illustra una serie di precisazioni a riguardo. C’è infatti differenza tra fotografare, ad esempio, un’attività che si svolge in oratorio per un uso interno o per la diffusione sul web o sul giornalino parrocchiale. In quest’ultimo caso, occorre rispettare le direttive disposizioni in materia di privacy, tra cui informare i diretti interessati e raccogliere il consenso, il quale dovrà essere scritto nel caso di dati sensibili. Particolare attenzione va fatta nel caso in cui le immagini siano relative a minori sotto i sedici anni, perché serve il consenso dei genitori.