Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

È donna e laica la nuova economa della Diocesi di Padova

La decisione del vescovo, in piena consonanza con il Concilio e Papa Francesco, supera la tradizione di nominare un presbitero o un diacono.

È donna e laica la nuova economa della Diocesi di Padova. Si chiama Vanna Ceretta e il vescovo mons. Claudio Cipolla, dopo le consultazioni con il Consiglio diocesano per la gestione economica, le ha affidato questo importante ruolo, assieme a quello di direttrice dell’Ufficio amministrativo. Dopo aver lavorato per diciotto anni come coordinatrice dell’Ufficio missionario diocesano, nel 2014 era diventata coordinatrice dell’Ufficio amministrativo e dell’Economato della Diocesi e nel 2016 responsabile dell’Ufficio Amministrativo. Tutta questa esperienza e le competenze maturate hanno portato a questa nomina.

Il vescovo ha così commentato la decisione: «Sono particolarmente contento di questa nomina, perché valorizza capacità, competenze, esperienza e spirito ecclesiale di una persona che ha lavorato per molto tempo in vari ambiti della nostra Diocesi in modo costruttivo. […] Questa nomina rappresenta anche una doppia bella novità per la nostra Chiesa: è una laica ed è una donna, per un ruolo che tradizionalmente viene ricoperto da un presbitero o da un diacono, ed è un bel segno per la nostra Chiesa».

Nei suoi nuovi ruoli, Ceretta dovrà occuparsi della gestione amministrativa e dei beni della Diocesi, provvedere alle spese disposte dal vescovo, sottoporre al Consiglio per la gestione economica il bilancio consuntivo della Diocesi, vigilare sull’amministrazione dei beni degli altri enti ecclesiali facenti riferimento alla Diocesi. Grata di questo dono che le permetterà di mettersi a servizio della Chiesa di Padova con più responsabilità, racconta: «Un amico, nel commentare questa scelta, mi ha scritto: “il vescovo Claudio ha preso sul serio le competenze laicali, in piena consonanza con il Concilio e papa Francesco (cfr EG, 103)”».

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print