Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Le donne delle minoranze cristiane sono tra le più esposte alle persecuzioni

Il rapporto “Ascolta le sue grida” di Aiuto alla Chiesa che Soffre racconta rapimenti, conversioni forzate e violenze sessuali ai loro danni.

«Sono stata torturata e violentata. I miei aguzzini hanno filmato le sevizie infertemi e mi hanno ricattata minacciando di diffondere il video. Sono quindi stata costretta a firmare un documento in cui dichiaravo di essermi convertita e di aver sposato il mio rapitore. Se avessi rifiutato di farlo, avrebbero ucciso i miei familiari».

Sono drammatiche queste parole della giovanissima cristiana pachistana Maira Shahbaz, presenti nella prefazione che lei ha scritto per il rapporto Ascolta le sue grida. Rapimenti, conversioni forzate e violenze sessuali ai danni di donne e bambine cristiane di Aiuto alla Chiesa che Soffre. Questo documento contiene centinaia di denunce e segnalazioni giunte alla fondazione direttamente da membri di chiese locali e contatti degni di fiducia presenti in Egitto, Iraq, Mozambico, Nigeria, Pakistan e Siria. Vi si raccontano storie di bambine, ragazze e giovani donne appartenenti a famiglie cristiane costrette a diventare schiave sessuali e a convertirsi a un’altra religione, spesso dietro minaccia di morte.

Come riporta Tempi, in Pakistan il settanta per cento delle donne, anche minori, obbligate alla conversione e al matrimonio è di fede cristiana. In Nigeria, hanno questo credo il novanta per cento delle detenute dagli estremisti islamici di Boko Haram, per i quali le loro gravidanze sono un mezzo per assicurarsi una nuova generazione di jihadisti. In Mozambico, il gruppo islamista Ansar Al-Sunna continua a sequestrare cristiane per sposarle o abusarne sessualmente (e i loro figli per farli combattere nelle proprie fila). In Iraq e in Siria, le donne e le bambine cristiane e yazide schiave di Daesh si possono acquistare secondo uno sconvolgente listino prezzi. In Egitto, si è scoperto che esiste un sistema organizzato per il rapimento di ragazze copte, poi consegnate a gruppi salafiti che le portano alla conversione all’islam.

In generale, dallo studio emerge che, tra tutte le appartenenti alle minoranze religiose, quelle cristiane sono tra le più esposte alle persecuzioni e alle violenze, in particolare nelle zone di conflitto, dove gli aguzzini cercano di non dare un futuro al loro gruppo religioso, e con un aggravio dovuto alla pandemia. Il problema, però, è sicuramente più ampio, perché la pressione sociale, la paura di gettare un’onta sulla propria famiglia, la minaccia di ritorsioni da parte di rapitori e complici, la resistenza da parte dei tribunali e delle forze di polizia a fare giustizia sono fattori che rendono difficile fare piena luce sul fenomeno.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email