Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Nuovi percorsi formativi per l’inserimento lavorativo dei disabili

Partecipa all’indagine del progetto europeo Bridges per contribuire a migliorare le competenze dei professionisti del settore.

Se sei un professionista che lavora per l’inserimento lavorativo di disabili, questo complicato periodo di quarantena può essere un’occasione per riflettere su come migliorarsi per poi ripartire più consapevole e motivato di prima. Una possibilità viene data dal progetto europeo “BRIDGES – Broadening positive Reflections on the Issue of Disability, Generating Empowerment for Stakeholders”, che chiede di dare il proprio contributo rispondendo a un questionario e partecipando a dei focus group virtuali.

Queste attività fanno parte della fase di indagine iniziale del progetto, che coinvolge sette partner di Paesi diversi ed è finalizzato alla promozione dell’integrazione sociale e lavorativa delle persone con disabilità attraverso la costruzione di un percorso formativo sperimentale on line, mirato al rafforzamento delle competenze specifiche dei professionisti che hanno un ruolo di ponte tra i disabili e il mondo del lavoro.

Clicca qui per approfondire il progetto

Al momento, InEuropa, il partner italiano del progetto, sta realizzando un’indagine per mappare i bisogni formativi, i punti di forza e debolezza dei servizi e le politiche in atto nel settore, con particolare riferimento alle buone prassi esistenti. In seguito, i focus group si svolgeranno on line, avranno una durata massima di un’ora e saranno condotti dall’esperta dott.ssa Daniela Ottolini.

Clicca qui per compilare il questionario on line

Grazie al confronto e agli spunti di riflessione delle diverse professionalità ed esperienze raccolte nell’indagine, saranno sviluppati dei prodotti formativi che verranno messi a disposizione gratuitamente e che potranno essere utilizzati per la propria formazione e per quella di staff e collaboratori. Chi fosse interessato a saperne di più può scrivere a ineuropa@ineuropa.info.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print