Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Ritrovare la bellezza

“Segni di bellezza” si conclude con due concerti in streaming dalla Basilica milanese di Sant’Eustorgio il 22 aprile e il 20 maggio 2021.

La sesta stagione di “Segni di bellezza” si conclude con due concerti in diretta streaming dalla Basilica di Sant’Eustorgio a Milano (clicca qui per aprire il canale YouTube, oppure vai sulla pagina Facebook di Segni di Bellezza). Il tema di questa edizione è “Ritrovare la bellezza”, un invito a non rinunciare all’armonia nel rapporto con noi stessi e con gli altri, a ricordarsi di quella scintilla divina che abita in ognuno di noi e a non perdere di vista lo scopo ultimo della ricerca di quella bellezza, di quel raggio dello Spirito capace di penetrare anche negli angoli più bui dell’esistenza. È un invito ad avere uno sguardo profetico sull’altro, uno sguardo che vede lontano e perfino in anticipo l’unicità e la singolarità di ognuno di noi, un esercizio di bellezza nella bellezza.

Il primo concerto, con l’Orchestra Sinfonica Carlo Coccia, si terrà il 22 aprile 2021 alle ore 20:00 e prevede musiche di Vivaldi (Concerto per flauto, violino e orchestra in Re maggiore RV 512) e Bach Concerto Brandeburghese n. 5 in Re maggiore BWV 1050). Il secondo concerto, con l’orchestra da camera Milano Classica, sarà il 20 maggio 2021 sempre alle ore 20:00, con musiche di Ottorino Respighi (Antiche danze e arie suite n.3), Ernest Bloch (Prayer) e Edvard Grieg (Holberg Suite).

La Cappella Portinari sarà non solo la cornice dell’evento, ma fornirà i contenuti a cui sono ispirate le due serate. Come da tradizione, infatti, le esecuzioni musicali saranno precedute dalla presentazione di opere d’arte contenute al suo interno, che da scoperte recentissime sembrerebbe essere collegata a Beatrice Portinari, musa ispiratrice di Dante. Le opere, presentate mons. Marco Navoni, saranno prima l’arca di San Pietro Martire e il coro degli Angeli, poi l’Assunzione.