Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Guerra in Ucraina, le campane delle chiese possono dare l’allarme

In molte città del Paese invaso dall’esercito russo tanti sacerdoti e religiosi restano per dare sostegno e protezione ai fedeli.

«Le campane delle chiese possono suonare allarmi in tutta l’Ucraina. Dopo aver sentito le campane, è necessario recarsi urgentemente ai rifugi». L’importante messaggio inviato sabato sera sul canale Telegram del Parlamento ucraino e rilanciato dalla locale agenzia di informazione religiosa Risu mostra come le chiese stiano assumendo un ruolo attivo durante degli attacchi aerei e missilistici lanciati dagli invasori russi, come si legge su Agenzia S.I.R.. Anche il nunzio apostolico a Kyiv (traslitterazione in ucraino del nome della capitale ucraina conosciuta come Kiev), l’arcivescovo Visvaldas Kulbokas, e tutto il personale quando sentono suonare un allarme o passare un missile si rifugiano nello scantinato della loro sede. In un’intervista a Vatican News di sabato, il prelato ha espresso le sue maggiori preoccupazioni: con le difficoltà a spostarsi e a trovare assistenza, cosa fanno i malati? E i bambini, chiusi nelle cantine o nelle stazioni della metropolitana, che sofferenze stanno passando?

A Odessa, fondamentale città portuale ucraina sul Mar Nero che sta cercando di resistere all’attacco russo, la Chiesa greco-cattolica sta assicurando la celebrazione della messa ogni mattina e la Caritas diocesana ha aumentato i suoi interventi sia nella distribuzione di cibo che negli aiuti psicologici, in particolare nei confronti dagli anziani e dei più poveri. Sabato, don Oleksandr Smerechynskyj ha dichiarato a Vatican News che «La gente ha paura, in molti vogliono abbandonare la città. Si stanno formando lunghe code per accaparrarsi le ultime scorte di cibo e di benzina e fare prelievi al bancomat è diventato quasi impossibile», ma i sacerdoti hanno deciso di restare per rassicurare i fedeli e la popolazione.

Dell’aspetto psicologico della guerra ha parlato all’Agenzia S.I.R. anche monsignor Vasyl Tuchapets, esarca della Chiesa greco-cattolica ucraina a Kharkiv, città vicina al confine con la Russia in questi giorni pesantemente bombardata: «In questo momento, la presenza della Chiesa è molto necessaria. Confessioni e conversazioni spirituali aiutano le persone a uscire da uno stato di crisi psicologica». Infatti, per lui gli abitanti stanno vivendo nella paura, nell’ansia e nel panico e per questo hanno perso il senso di una risposta adeguata a ciò che sta accadendo.

In tutta l’Ucraina sono tanti anche i religiosi che rimangono a svolgere la propria missione in questi giorni drammatici. L’Osservatore Romano scrive che tra i francescani, circa sessanta divisi in diciassette case sparse un po’ in tutto il Paese, c’è chi racconta che la propria chiesa lasciata aperta continua a essere piena di gente e chi ospita alcune famiglie con bambini perché hanno paura di rimanere nelle loro case. Gli oblati di Maria Immacolata, una trentina in dieci case nel territorio ucraino, continuano a rimanere vicini alle persone spaventate accogliendole nelle chiese, pregando con loro per alleviare la paura e cercando assieme a dei volontari di trovare quelle non autosufficienti, dice L’Osservatore Romano. Come riporta l’Agenzia Fides, Lviv (Leopoli), città nell’estremo ovest dell’Ucraina non ancora colpita dalla guerra, il monastero di Don Orione è stato messo a disposizione dei profughi e di quanti ne avranno bisogno.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email