Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Messico, sacerdote ucciso in uno scontro armato tra narcotrafficanti

P. Juan Antonio Orozco Alvarado si stava recando a celebrare la messa ed è stato vittima della violenza della criminalità organizzata.

Un sabato mattina di giugno, padre Juan Antonio Orozco Alvarado ofm si stava recando a celebrare la messa nella comunità di Tepehuana de Pajaritos. Purtroppo, si è trovato in mezzo a uno scontro tra le bande armate della criminalità organizzata che si disputano il territorio messicano e che ha causato morti e feriti. I membri del cartello del narcotraffico di Jalisco Nueva Generación e di quello di Sinaloa hanno iniziato ad attaccarsi e il sacerdote, che assieme a un piccolo gruppo di fedeli si stava dirigendo verso la chiesa, è stato ucciso da un colpo da fuoco.

Come riporta l’Agenzia Fides, la notizia della morte violenta del prete è stata tristemente data da padre Angel Gabino Gutiérrez Martinez ofm, ministro della Provincia francescana dei santi Francisco e Santiago. Il trentatreenne padre Juanito (così era conosciuto) era parroco a Santa Lucía de la Sierra, nel municipio di Valparaíso nello stato di Zacatecas, e aveva iniziato il suo lavoro pastorale nella zona da solo sei mesi.

La Conferenza Episcopale Messicana si è espressa dicendo che il sacerdote è stato «una vittima della violenza che esiste nel nostro Paese». La commissione Giustizia, pace e integrità del creato della famiglia francescana del Messico, dell’America centrale e dei Caraibi ha scritto una petizione pubblica in cui chiede alle autorità di indagare nella vicenda perché l’assassinio non rimanga impunito e individuare i responsabili dello scontro armato per un giusto processo e la riparazione del danno alle vittime:

«La violenza sistematica che si vive nel territorio nazionale messicano derivante dall’attività della criminalità organizzata non può essere resa invisibile; né il poco o nessun impegno e preparazione da parte delle autorità federali, statali e comunali non solo per proteggere la cittadinanza, ma anche per svolgere un’indagine adeguata per perseguire e punire questo tipo di reato, violando così il diritto umano alla vita, alla dignità e alla sicurezza della popolazione in generale.»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print