Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Pakistan, villaggio cristiano attaccato da una folla di musulmani

Un diverbio fra dei giovani che stavano pulendo l’entrata della loro chiesa e un signore è sfociato in un pestaggio e una razzia.

In un villaggio cristiano della città di Okara, nel Punjab pakistano, un diverbio fra tre giovani che stavano pulendo la zona davanti al cancello della loro chiesa e un signore musulmano che passava di là è sfociato in un brutale attacco da parte di centinaia di fedeli islamici. L’uomo, che stava transitando con la sua motocicletta davanti all’entrata dell’edificio sacro, ha iniziato a inveire contro di loro perché, secondo lui, gli avevano sporcato il vestito con polvere e acqua, minacciandoli di conseguenze.

Nel giro di poche ore, il battibecco è diventato un pestaggio e una razzia, con uomini e donne cristiani picchiati e gli interni delle loro abitazioni distrutti e saccheggiati. Infatti, il signore è tornato con alcuni suoi amici muniti di armi da fuoco e mazze da hockey, con le quali hanno cominciato a colpire e ferire i ragazzi alle mani, alle gambe, alla schiena, alla testa. Un cristiano e un musulmano hanno provato assieme a fermare il pestaggio. Passato questo momento, il giorno dopo è addirittura giunta una grande folla di persone che sono entrate in decine di edifici e hanno attaccato altri cristiani.

Il fatto è successo nel pomeriggio del 14 maggio. Il parroco della chiesa, p. Khalid Mukhtar, ha diffuso sui social la notizia dell’assalto contro le famiglie cristiane e ad AsiaNews ha dichiarato: «Mentre le vittime passano da un dottore o all’ospedale per ricevere cure, i colpevoli sono in giro liberi. Molti di loro sono stati riconosciuti. Perché la polizia non li arresta? Noi chiediamo che tutti i colpevoli siano arrestati al più presto e giudicati dalla legge». Nonostante sia stata sporta una denuncia alla polizia locale contro i responsabili noti, dopo alcuni giorni nessun colpevole è stato assicurato alla giustizia.

Commentando l’avvenimento, Aslam Pervaiz Sohotra, presidente del Masiha Milat Party, ha ricordato altri villaggi cristiani assaltati e bruciati e si è rivolto a quei politici che dicono che i cristiani sono protetti dalla legge e godono di uguali diritti, chiedendo loro: quanti colpevoli sono stati puniti per questi incidenti? Questa mentalità terrorizza le minoranze in Pakistan, le quali, nonostante tutte le ingiustizie che subiscono, sostengono il Paese e danno un contributo al suo progresso.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print