Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Il palazzo Lateranense è ora visitabile

Per volere di Papa Francesco parte della sede del vescovo di Roma è stata musealizzata, tra sale affrescate e decorazioni sontuose.

Per volere di Papa Francesco, dalla scorsa settimana il palazzo Lateranense è visitabile. Parte dell’edificio è stato infatti musealizzato dopo che a marzo il pontefice lo aveva chiesto al suo vicario per la Diocesi di Roma, in quanto la basilica papale di San Giovanni in Laterano è la sede della sua cattedra episcopale. Il terreno su cui si trova apparteneva un tempo all’antica famiglia dei Laterani e qui c’era la caserma dei pretoriani di Massenzio. In seguito alla vittoria di Costantino contro il rivale Massenzio presso il ponte Milvio del 312, esso fu donato a Papa Milziade I.

Vi fu dunque eretta la basilica del Santissimo Salvatore (il nome precedente a quello che c’è ancora oggi), l’unica non costruita sulla sepoltura di un martire ma come ex voto per grazia ricevuta. Consacrata il 9 novembre del 318 da Papa Silvestro I, ad essa furono annessi il battistero e il patriarchium, noto come la casa del vescovo di Roma. Tra saccheggi e momenti di massimo splendore, per circa mille anni il palazzo fu la residenza dei pontefici. Al rientro dell’autorità papale da Avignone nel 1377, venne abbandonato a favore del Vaticano, nonostante continuasse a mantenere la funzione di sede vescovile.

La riqualificazione urbanistica di tutto il complesso sarà voluta da Papa Sisto V, di cui proprio quest’anno ricorre il cinquecentenario dalla nascita (clicca qui per aprire il sito dedicato alla celebrazioni). I lavori di completo rifacimento del palazzo apostolico furono affidati a Domenico Fontana. Ma i papi successivi preferirono come sede definitiva quella del Vaticano e il complesso divenne un centro per l’assistenzialismo benefico e la cura dei più bisognosi. Dopo successivi interventi, nell’Ottocento il palazzo venne adibito a Museo delle arti e delle collezioni epigrafiche e archeologiche, ospitato in sale affrescate e decorate con arazzi sontuosi, quadri pregevoli e mobili antichi.

Per la visita, che è guidata a cura delle Missionarie della Divina Rivelazione, è necessario prenotare tramite e-mail, operazione che può essere fatta anche in loco nei giorni e negli orari disponibili.

Clicca qui per aprire il sito ufficiale del Palazzo Lateranense

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email