Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

La speranza cristiana dà un senso alla nostra vita

Le parole di Papa Francesco all’Angelus nella solennità di Tutti i Santi e alla messa per i defunti.

«In questa solenne festa di Tutti i Santi, la Chiesa ci invita a riflettere sulla grande speranza, che si fonda sulla risurrezione di Cristo: Cristo è risorto e anche noi saremo con Lui. I Santi e i Beati sono i testimoni più autorevoli della speranza cristiana, perché l’hanno vissuta in pienezza nella loro esistenza, tra gioie e sofferenze, attuando le Beatitudini che Gesù ha predicato […]. Le Beatitudini evangeliche, infatti, sono la via della santità.»

È iniziato con queste parole l’Angelus che Papa Francesco ha pronunciato nella solennità di Tutti i Santi. Nel discorso, si è soffermato sulla seconda e sulla terza beatitudine. Con «Beati quelli che sono nel pianto, perché saranno consolati» Gesù si riferisce a coloro che, nonostante le difficoltà e le sofferenze della vita, confidano nel Signore sperando con pazienza nella consolazione. L’affermazione «Beati i miti, perché avranno in eredità la terra» dà speranza alle persone umili di cuore, che sanno dominare sé stessi e non sopraffare l’altro e i suoi bisogni. Il pontefice esorta a scegliere la purezza e la misericordia e a impegnarsi per la giustizia e la pace, seguendo come modelli le strade evangeliche percorsi da santi e beati.

Leggi qui il testo completo dell’angelus

Ieri, nell’omelia della messa per i defunti, Papa Francesco individua nella certezza di Giobbe finito nella sua esistenza, quando quasi sul punto di morire dice che vedrà il Redentore con i propri occhi, la speranza cristiana. Come ha detto Paolo (Rm 5,5), la speranza è un dono di Dio che non delude, nonostante le tante cose negative della vita che ci portano a disperare, e il suo fine è quello di portarci da Gesù.

«La speranza ci attira e dà un senso alla nostra vita. Io non vedo l’aldilà, ma la speranza è il dono di Dio che ci attira verso la vita, verso la gioia eterna. La speranza è un’ancora che noi abbiamo dall’altra parte, e noi, aggrappati alla corda, ci sosteniamo (cfr Eb 6,18-20). […] Nel pensiero di tanti fratelli e sorelle che se ne sono andati, ci farà bene guardare i cimiteri e guardare su. E ripetere, come Giobbe: “Io so che il mio Redentore è vivo, e io lo vedrò, io stesso, i miei occhi lo contempleranno e non un altro”. E questa è la forza che ci dà la speranza, questo dono gratuito che è la virtù della speranza.»

Leggi qui il testo completo dell’omelia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print