Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

La famiglia diventa un vincolo relazionale di perfezione quanto più fa fiorire la sua natura

Discorso di Papa Francesco alla Pontificia Accademia delle Scienze Sociali.

«Sappiamo che i cambiamenti sociali stanno modificando le condizioni di vita del matrimonio e delle famiglie in tutto il mondo. Inoltre, l’attuale contesto di crisi prolungata e molteplice mette a dura prova i progetti di famiglie stabili e felici. A questo stato di cose si può rispondere riscoprendo il valore della famiglia come fonte e origine dell’ordine sociale, come cellula vitale di una società fraterna e capace di prendersi cura della casa comune».

Nel discorso di ieri ai partecipanti alla sessione plenaria della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, Papa Francesco si è soffermato sulla realtà della famiglia considerata come bene relazionale. In Occidente, il suo valore è in parte vissuto in modo individualistico e privatistico, cosa che la può rendere isolata e frammentata nel contesto della società. In questa maniera, infatti, si perdono le sue funzioni sociali espresse tra gli individui e nella comunità, soprattutto se si considerano i più deboli come i bambini, i disabili e gli anziani non autosufficienti. Invece, la famiglia diventa un bene quando condivide relazioni di amore fedele, fiducia, cooperazione, generosità, reciprocità morivate dal dono.

«La famiglia è un bene per la società non in quanto semplice aggregazione di individui, ma in quanto è una relazione fondata in un “vincolo di mutua perfezione”, per usare un’espressione di San Paolo (cfr Col 3,12-14). Infatti, l’essere umano è creato a immagine e somiglianza di Dio, che è amore (cfr 1 Gv 4,8.16). L’amore reciproco tra l’uomo e la donna è riflesso dell’amore assoluto e indefettibile con cui Dio ama l’essere umano, destinato ad essere fecondo e a realizzarsi nell’opera comune dell’ordine sociale e della custodia del creato».

Il Papa ha poi sottolineato che la famiglia è il luogo dell’accoglienza, in particolare quelle dove sono presenti membri fragili, malati o con disabilità. Infatti, qui si sviluppano delle virtù speciali, che potenziano le capacità di amore e di sopportazione paziente verso le difficoltà della vita. Inoltre, la famiglia, primaria piantatrice dell’albero della gratuità, è il principale antidoto alla povertà sia materiale che spirituale. Essa, però, può fiorire quando una società si fa sua amica, dunque affrontando i problemi odierni dell’inverno demografico o dell’irresponsabilità della maternità e paternità. Solo così la relazionalità familiare permetterà agli individui di andare oltre i propri interessi e basare le vita sul dono.

Leggi qui il testo completo del discorso

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email