Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

È tempo per la politica di essere lungimirante per affrontare la grave crisi antropologica

Messaggio di Papa Francesco ai partecipanti al convegno per il centenario dell’appello “A tutti gli uomini liberi e forti” di don Sturzo.

“Il compito di informare cristianamente la vita sociale e politica appartiene soprattutto ai laici cristiani che, attraverso il proprio impegno e nella libertà che loro compete in tale ambito, attuano gli insegnamenti sociali della Chiesa, elaborando una sintesi creativa tra fede e storia che trova il suo fulcro nell’amore naturale vivificato dalla grazia divina. […] La moralizzazione della vita pubblica è legata per don Sturzo soprattutto a una concezione religiosa della vita, da cui deriva il senso della responsabilità morale e della solidarietà sociale. L’amore è per lui il vero vincolo sociale, il motivo ispiratore di tutta la sua attività.”

Nel messaggio per il convegno internazionale per il centenario dell’appello A tutti gli uomini liberi e forti di don Luigi Sturzo, Papa Francesco ha proposto una riflessione sulla concezione cristiana della vita sociale e sulla carità nella vita pubblica. Il Papa, per sottolineare l’importanza di fare le cose insieme, cita diverse parole del sacerdote servo di Dio, come «il modo migliore per dialogare non è quello di parlare e discutere, ma quello di fare qualcosa insieme […]: non da soli, tra cattolici, ma insieme a tutti coloro che hanno buona volontà» e «l’amore del prossimo in politica deve stare di casa e non deve essere escluso come un estraneo […]. E l’amore del prossimo non consiste nelle parole, né nelle moine: ma nelle opere e nella verità».

“Il suo insegnamento e la sua testimonianza di fede non devono essere dimenticati, soprattutto in un tempo in cui è richiesto alla politica di essere lungimirante per affrontare la grave crisi antropologica. Vanno dunque richiamati i punti-cardine dell’antropologia sociale sturziana: il primato della persona sulla società, della società sullo Stato e della morale sulla politica; la centralità della famiglia; la difesa della proprietà con la sua funzione sociale come esigenza di libertà; l’importanza del lavoro come diritto e dovere di ogni uomo; la costruzione di una pace giusta attraverso la creazione di una vera comunità internazionale. Questi valori si basano sul presupposto che il cristianesimo è un messaggio di salvezza che si incarna nella storia, che si rivolge a tutto l’uomo e deve influire positivamente sulla vita morale sia privata che pubblica.”

Leggi qui il testo completo del messaggio

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print