Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Gli infermieri, immagine di una Chiesa ospedale da campo

Messaggio di Papa Francesco in occasione della Giornata dell’infermiere nell’Anno internazionale dell’infermiere e dell’ostetrica.

«Quotidianamente assistiamo alla testimonianza di coraggio e di sacrificio degli operatori sanitari, in particolare delle infermiere e degli infermieri, che con professionalità, abnegazione, senso di responsabilità e amore per il prossimo assistono le persone affette dal virus, anche a rischio della propria salute. […] Ogni giorno, a contatto con gli ammalati, sperimentano il trauma che la sofferenza provoca nella vita di una persona. Sono uomini e donne che hanno scelto di rispondere “sì” a una vocazione particolare: quella di essere buoni samaritani che si fanno carico della vita e delle ferite del prossimo. Custodi e servitori della vita, mentre somministrano le terapie necessarie, infondono coraggio, speranza e fiducia.»

Ieri Papa Francesco, nel messaggio in occasione della Giornata internazionale dell’infermiere durante l’Anno internazionale dell’infermiere e dell’ostetrica indetto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha sottolineato come la professionalità degli infermieri non si riduca a conoscenze tecnico-scientifiche, ma sia costantemente illuminata dalla relazione umana e umanizzante con il malato.

«Voi […] siete vicini alle persone nei momenti cruciali della loro esistenza, la nascita e la morte, la malattia e la guarigione, per aiutarle a superare le situazioni più traumatiche. A volte vi trovate accanto a loro mentre stanno morendo, donando conforto e sollievo negli ultimi istanti. Per questa vostra dedizione, voi siete tra i “santi della porta accanto”. Siete immagine della Chiesa “ospedale da campo”, la quale continua a svolgere la missione di Gesù Cristo, che avvicinò e guarì persone sofferenti per ogni genere di male e si chinò a lavare i piedi dei suoi discepoli.»

Il Pontefice ha poi ricordato come questa pandemia abbia messo in luce le molte carenze a livello di assistenza sanitaria, chiedendo ai responsabili di tutte le nazioni di investire maggiormente nella salute come bene comune primario e valorizzare meglio le figure dell’infermiere e dell’ostetrica. In particolare, rivolgendosi alle ostetriche che aiutano a dare alla luce i bambini, dice che il loro lavoro è tra i più nobili che esistano, dedicato com’è al servizio della vita. Papa Francesco ricorda quindi i nomi di due eroiche levatrici bibliche, Sifra e Pua, immortalati all’inizio del Libro dell’Esodo.

Leggi qui il testo completo del messaggio

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print