Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

La Chiesa è sempre in uscita verso nuovi orizzonti geografici, sociali ed esistenziali

Messaggio di Papa Francesco per la Giornata missionaria mondiale 2022.

Il tema della Giornata missionaria mondiale 2022 riprende il passo degli Atti degli Apostoli che dice: «Riceverete la forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi, e di me sarete testimoni a Gerusalemme, in tutta la Giudea e la Samaria e fino ai confini della terra» (1,8). Nel messaggio dedicato alla celebrazione, Papa Francesco si è soffermato sulle tre espressioni che riassumono i fondamenti della vita e della missione dei discepoli: «di me sarete testimoni», «fino ai confini della terra» e «riceverete la forza dallo Spirito Santo».

La prima invita tutti i fedeli a essere missionari e testimoni di Cristo, il primo inviato e missionario di Dio, in quanto la Chiesa, comunità dei discepoli di Cristo, non ha altra missione se non quella di evangelizzare il mondo. Questa missione ha un carattere comunitario e, quindi, si fa in comunione con la comunità ecclesiale e non per propria iniziativa. Inoltre, Gesù chiede di vivere la propria vita personale in chiave di missione, non comunicando sé stessi ma offrendo Lui in parole e azioni, annunciando e dando l’esempio contemporaneamente.

La seconda espressione, continua il pontefice, riguarda l’attualità perenne di una missione di evangelizzazione universale. I discepoli sono inviati fino ai confini della terra non per fare proselitismo, ma ad annunciare. La Chiesa deve essere in uscita per compiere la sua vocazione di testimoniare Cristo, orientata dalla Provvidenza divina mediante le circostanze concrete della vita. I missionari devono spingere sempre ad andare oltre i luoghi consueti, oltre gli orizzonti geografici, sociali, esistenziali.

L’ultima espressione invita a lasciarsi sempre fortificare e guidare dallo Spirito Santo per testimoniare Cristo davanti a tutti. Senza la sua ispirazione nessun cristiano può farlo pienamente e genuinamente. Quando ci si sente stanchi, demotivati o smarriti, occorre ricorrere allo Spirito nella preghiera, che ha un ruolo fondamentale nella vita missionaria in quanto attraverso di essa provengono nuove energie e le parole giuste per predicare il Vangelo. In conclusione, Papa Francesco ripete l’auspicio di Mosè per il popolo di Dio in cammino: «Fossero tutti profeti nel popolo del Signore!» (Nm 11,29).

Leggi qui il testo completo del messaggio

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email