Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

L’amicizia con Gesù può essere la chiave spirituale per accettare il limite

Messaggio di Papa Francesco per la Giornata internazionale delle persone con disabilità.

«Noi cristiani abbiamo ricevuto un dono: l’accesso al cuore di Gesù e all’amicizia con Lui. È un privilegio che abbiamo avuto in sorte e che diventa la nostra chiamata: la nostra vocazione è essere amici suoi! Avere Gesù per amico è la più grande delle consolazioni e può fare di ognuno di noi un discepolo grato, gioioso e capace di testimoniare come la propria fragilità non sia un ostacolo per vivere e comunicare il Vangelo. L’amicizia fiduciosa e personale con Gesù può essere, infatti, la chiave spirituale per accettare il limite che tutti sperimentiamo e vivere in maniera riconciliata la propria condizione.»

Papa Francesco ha rivolto queste parole alle persone con disabilità in vista della Giornata internazionale a loro dedicata, che sarà celebrata il 3 dicembre 2021. Nel suo messaggio intitolato «Voi siete miei amici» (Gv 15,14), egli ribadisce che tutti devono sentirsi membri a pieno titolo della comunità ecclesiale e protagonisti, anche del percorso sinodale che è appena iniziato. Purtroppo, nella società ancora oggi molti disabili vengono discriminati o marginalizzati, talvolta anche all’interno della Chiesa, ma è proprio l’amicizia di Gesù che permette di vivere le differenze come ricchezza. Dopo aver ricordato le difficoltà da loro vissute durante i periodi di limitazioni e chiusure causati dalla pandemia, il pontefice ha chiesto di pregare, perché Dio ascolta chi confida in Lui, e ha esortato:

«Dall’amicizia con il Signore deriva anche la nostra vocazione. Egli ci ha scelti perché portiamo molto frutto e il nostro frutto rimanga (cfr Gv 15,16). Presentandosi come la vera Vite, ha voluto che ogni tralcio, unito a Lui, sia in grado di dare frutti. […] Il Vangelo è anche per te! È una Parola rivolta ad ognuno, che consola e, nello stesso tempo, chiama alla conversione. […] I Vangeli ci narrano che, quando alcune persone con disabilità hanno incontrato Gesù, la loro vita è profondamente cambiata e hanno iniziato ad essere suoi testimoni.»

Leggi qui il testo completo del messaggio

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email