Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Siate coraggiosi nel rischiare, perdonare e consolare

Omelia di Papa Francesco alla messa nella Cena del Signore celebrata il Giovedì Santo.

«Il Signore […] vuole rimanere con noi nell’Eucaristia. E noi diventiamo sempre tabernacoli del Signore, portiamo il Signore con noi; al punto che Lui stesso ci dice che, se non mangiamo il suo corpo e non beviamo il suo sangue, non entreremo nel Regno dei Cieli. Mistero, questo, del pane e del vino, del Signore con noi, in noi, dentro di noi.»

Nell’omelia della messa nella Cena del Signore, celebrata il Giovedì Santo, Papa Francesco ci ricorda inoltre che una delle condizioni per entrare nel Regno dei Cieli è il servizio: quello nostro verso tutti e quello del Signore verso di noi, che dobbiamo lasciare che Dio ci serva. Solo così Lui può lavarmi, farmi crescere, perdonarmi. Solo così potremmo essere tutti sacerdoti. Il pontefice rivolge poi un pensiero ai sacerdoti ordinati.

«Non posso lasciar passare questa Messa senza ricordare i sacerdoti. I sacerdoti che offrono la vita per il Signore, i sacerdoti che sono servitori. In questi giorni ne sono morti più di sessanta qui, in Italia, nell’attenzione ai malati negli ospedali, e anche con i medici, gli infermieri, le infermiere… Sono “i santi della porta accanto”, sacerdoti che servendo hanno dato la vita. […] Oggi tutti voi, fratelli sacerdoti, siete con me sull’altare, voi, consacrati. Vi dico soltanto una cosa: non siate testardi come Pietro. Lasciatevi lavare i piedi. Il Signore è il vostro servo, Lui è vicino a voi per darvi la forza, per lavarvi i piedi. E così, con questa coscienza della necessità di essere lavati, siate grandi perdonatori! Perdonate! […] A volte ci vengono dei dubbi… Guardate il Cristo. Lì c’è il perdono di tutti. Siate coraggiosi; anche nel rischiare, nel perdonare, per consolare.»

Leggi qui il testo completo dell’omelia

Il Venerdì Santo, dopo la celebrazione della Passione del Signore, Papa Francesco ha presieduto la Via Crucis in una piazza San Pietro quasi deserta, con poche persone che hanno portato la Croce.

Leggi qui i testi delle meditazioni della Via Crucis

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print