Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Il tuo poco è tanto agli occhi di Gesù se non lo tieni per te

L’omelia di Papa Francesco per la solennità del Santissimo Corpo e Sangue di Cristo.

“Tutto parte dalla benedizione: le parole di bene generano una storia di bene. Lo stesso accade nel Vangelo. […] Perché benedire fa bene? Perché è trasformare la parola in dono. Quando si benedice, non si fa qualcosa per sé, ma per gli altri. Benedire non è dire belle parole, non è usare parole di circostanza: no; è dire bene, dire con amore. Così ha fatto Melchisedek, dicendo spontaneamente bene di Abramo, senza che questi avesse detto o fatto qualcosa per lui. Così ha fatto Gesù, mostrando il significato della benedizione con la distribuzione gratuita dei pani.”

Nell’omelia della solennità del Santissimo Corpo e Sangue di Cristo celebrata presso la parrocchia di Santa Maria Consolatrice a Casalbertone (Roma), Papa Francesco ha voluto riscoprire due verbi semplici, essenziali per la vita di ogni giorno: dire e dare. Il dire di Melchisedek e di Gesù è benedire. È importante che i pastori si ricordino di benedire il popolo di Dio, anche per contrastare la facilità con cui oggi si fa il contrario: si maledice, si disprezza, si insulta.

“Al dire segue il dare, come per Abramo che, benedetto da Melchisedek, «diede a lui la decima di tutto» (Gen 14,20). Come per Gesù che, dopo aver recitato la benedizione, dava il pane perché fosse distribuito, svelandone così il significato più bello: il pane non è solo prodotto di consumo, è mezzo di condivisione. Infatti, sorprendentemente, nel racconto della moltiplicazione dei pani non si parla mai di moltiplicare. Al contrario, i verbi utilizzati sono spezzare, dare, distribuire (cfr Lc 9,16). Insomma, non si sottolinea la moltiplicazione, ma la con-divisione. È importante: Gesù non fa una magia, non trasforma i cinque pani in cinquemila per poi dire: «Adesso distribuiteli». No. Gesù prega, benedice quei cinque pani e comincia a spezzarli, fidandosi del Padre. E quei cinque pani non finiscono più. Questa non è magia, è fiducia in Dio e nella sua provvidenza.”

Non è l’avere, ma il dare il verbo di Gesù. L’economia del Vangelo, opposta a quella dell’accumulo e dell’aumento dei guadagni che domina l’oggi, moltiplica condividendo e nutre distribuendo, non soddisfando la voracità di pochi, ma dando vita al mondo. I discepoli stupiti sono invitati da Gesù a dare da mangiare ai presenti, perché non importa che il cibo sia poco o tanto: l’amore fa grandi cose con le piccole cose.

“Nella nostra città affamata di amore e di cura, che soffre di degrado e abbandono, davanti a tanti anziani soli, a famiglie in difficoltà, a giovani che stentano a guadagnarsi il pane e ad alimentare i sogni, il Signore ti dice: «Tu stesso da’ loro da mangiare». E tu puoi rispondere: «Ho poco, non sono capace per queste cose». Non è vero, il tuo poco è tanto agli occhi di Gesù se non lo tieni per te, se lo metti in gioco. Anche tu, mettiti in gioco. E non sei solo: hai l’Eucaristia, il Pane del cammino, il Pane di Gesù.”

Leggi qui il testo completo dell’omelia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print