Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lo stile di Dio è uno stile di vicinanza, compassione e tenerezza

Omelia di Papa Francesco alla messa con ordinazioni presbiteriali nella quarta domenica di Pasqua.

«Un tempo […] si parlava della carriera ecclesiastica, che non aveva lo stesso significato che ha oggi. Questa non è una carriera: è un servizio, un servizio come quello che ha fatto Dio al suo popolo. E questo servizio di Dio al suo popolo ha delle tracce, ha uno stile, uno stile che voi dovete seguire. Stile di vicinanza, stile di compassione e stile di tenerezza. Questo è lo stile di Dio. Vicinanza, compassione, tenerezza.»

Ieri, durante la messa con ordinazioni presbiteriali nella quarta domenica di Pasqua, Papa Francesco si è rivolto così ai novelli sacerdoti ordinati e ha illustrato loro le quattro vicinanze del prete. Innanzitutto, c’è la vicinanza con Dio nella preghiera, nei sacramenti e nella messa, perché parlare con Lui, che si è fatto vicino a noi nel suo Figlio, vuol dire essergli a nostra volta vicini. Poi bisogna essere vicini al vescovo e umili sui collaboratori, perché intorno a lui si può perseguire l’unità, anche nei momenti brutti.

La terza vicinanza è quella tra presbiteri e ciò significa non sparlare mai di un fratello prete e non dare adito a pettegolezzi, ma dire quello che si pensa in faccia. Infine, occorre essere vicini al popolo di Dio, non dimenticandosi da dove si è venuti e ricordandosi di essere loro sacerdoti, non chierici di Stato. Prima di esortare ad allontanarsi dalla vanità e dall’orgoglio dei soldi e a non essere arrampicatori in cerca di una carriera ecclesiastica, su questo stile di vicinanza, che è quello di Dio, il pontefice ha aggiunto:

«Lo stile di Dio è anche uno stile di compassione e di tenerezza. Non chiudere il cuore ai problemi. E ne vedrete tanti! Quando la gente viene a dirvi i problemi e per essere accompagnata, perdete tempo ascoltando e consolando. La compassione, che ti porta al perdono, alla misericordia. Per favore: siate misericordiosi, siate perdonatori. Perché Dio perdona tutto, non si stanca di perdonare, siamo noi che ci stanchiamo di chiedere perdono. […] Ma compassione tenera, con quella tenerezza di famiglia, di fratelli, di padre… con quella tenerezza che ti fa sentire che stai nella casa di Dio.»

Leggi qui il testo completo dell’omelia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print