Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lo sparlare degli altri ha il potere di incominciare le guerre

Omelia di Papa Francesco, in visita a una parrocchia romana, sull’ipocrisia e il chiacchiericcio.

“Il chiacchiericcio non finisce nel chiacchiericcio; il chiacchiericcio va oltre, semina discordia, semina inimicizia, semina il male. Sentite questo, non esagero: con la lingua incominciano le guerre. Tu, sparlando degli altri, incominci una guerra. Un passo verso la guerra, una distruzione. Perché è lo stesso distruggere l’altro con la lingua e con una bomba atomica, è lo stesso. Tu distruggi. E la lingua ha il potere di distruggere come una bomba atomica. È potentissima. […] Con gli insulti, con lo sparlare degli altri incominciano tante guerre: guerre domestiche – si incomincia a gridare –, guerre nel quartiere, sul posto di lavoro, nella scuola, nella parrocchia… Per questo Gesù dice: «Prima di sparlare degli altri, prendi uno specchio e guarda te stesso; guarda i tuoi difetti e vergognati di averne. E così diventerai muto sui difetti degli altri».”

Papa Francesco, nell’omelia pronunciata durante la visita di ieri alla parrocchia romana di San Crispino da Viterbo a Labaro, si è soffermato sull’ipocrisia e la tendenza a criticare gli altri senza prima guardare i propri limiti e difetti. È una pratica maligna che si è abituati a seguire un po’ per l’inerzia data da un atteggiamento egoistico. Gesù dava degli ipocriti ai farisei, ai dottori della legge che dicevano una cosa e ne facevano un’altra, e consiglia: «È più bello che tu guardi i tuoi difetti e lasci vivere in pace gli altri. Non metterti nella vita altrui: guarda i tuoi».

Meglio parlare chiaro e diretto, non alle spalle, facendosi anche aiutare, se non si sortiscono gli effetti sperati, da chi può porre rimedio a questo comportamento. E il Papa, in vista della ormai prossima Quaresima, fornisce degli spunti di riflessione personale, ricordando che la voglia di criticare può essere fermata con la preghiera, per sé e per l’altro, e il silenzio quando si sente il desiderio di sparlare.

“Come io mi comporto con la gente? Come è il mio cuore davanti alla gente? Sono un’ipocrita, che faccio un sorriso e poi da dietro critico e distruggo con la mia lingua? E se noi alla fine della Quaresima saremo stati capaci di correggere un po’ questo, e non andare sempre criticando gli altri da dietro, vi assicuro che la Risurrezione di Gesù si vedrà più bella, più grande tra noi.”

Leggi qui il testo completo dell’omelia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print