Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Profughi Kachin, Caritas presente per affrontare il coronavirus

Il braccio umanitario della Chiesa birmana collabora nei campi per sfollati con il governo e le organizzazioni ribelli.

Il problema della diffusione del coronavirus è particolarmente difficile da affrontare nei campi per sfollati nelle zone di conflitto. Lungo il confine nord-orientale del Myanmar con la Cina, nello stato di Kachin, 97.455 persone vivono in 139 accampamenti di fortuna, secondo gli ultimi dati delle Nazioni Unite. Il 60% circa sono accolte in aeree controllate dal governo di Naypydaw, il restante nei territori amministrati dalla Kachin Independence Organization. Altri 8.850 individui hanno trovato rifugio più a sud, nei 32 campi allestiti dalle autorità birmane nello stato di Shan.

In queste zone opera la Caritas locale, in collaborazione con il governo, le organizzazioni ribelli e le istituzioni internazionali, forte di una Chiesa che può contare su una consistente presenza di cristiani (cattolici e battisti). Richard Win Tun Kyi, direttore nazionale del braccio umanitario della Chiesa birmana conosciuto con il nome di Karuna Mission Social Solidarity (Kmss), racconta ad AsiaNews:

«Nelle aree di confine, Kmss e partner locali stanno rispondendo alla crisi sanitaria, ma al momento non si rilevano neanche casi sospetti. Ma lo Stato di Kachin è uno dei più importanti punti d’accesso al Paese e confina con la provincia cinese dello Yunnan, dove le autorità cinesi hanno già confermato diversi episodi di contagio. Per questo motivo, l’attenzione resta alta. In particolare, stiamo educando la popolazione a mettere in pratica alcune semplici precauzioni igienico-sanitarie, come lavarsi le mani di frequente ed indossare mascherine protettive. È fondamentale che ogni caso sospetto sia riportato al personale medico e ai funzionari responsabili delle strutture di accoglienza.»

Anche se non sono ancora stati registrati contagi, l’epidemia influenza la vita quotidiana della popolazione Kachin. I valichi di frontiera sono chiusi e le merci incontrano difficoltà a passare da un Paese all’altro. Di conseguenza, i prezzi dei beni di consumo stanno aumentando. L’attività della Kmss continua con le sue consuete operazioni, ma è già preparata a rispondere in caso di peggioramento della situazione, grazie anche al sostegno della Conferenza Episcopale del Myanmar.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print