Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

I ragazzi e internet: come navigare sicuri

Una guida e una serie di schede didattiche rivolte a insegnanti e genitori per conoscere i rischi della rete e favorirne un rapporto corretto.

Secondo un sondaggio condotta da Skuola.net su 10.000 ragazzi tra i 9 e i 18 anni (circa 4.000 tra i 9 e i 14), il 47% degli intervistati giudica positivamente il proprio rapporto con la tecnologia, ma ammette di stare troppo tempo sui dispositivi senza rendersene conto. Il 41% usa un dispositivo elettronico per più di tre ore al giorno; il 38% utilizza lo smartphone prima di addormentarsi e il 21% appena apre gli occhi la mattina, il 24% durante lo studio (ma non sempre per fare i compiti).

Tutto ciò ha delle conseguenze psicofisiche riconosciute. Il 24% dei ragazzi lamenta scarsa concentrazione nello studio e nelle attività quotidiane, il 21% una sensazione di bruciore agli occhi, il 12% dolori a collo e schiena, il 10% insonnia e il 7% disturbi dell’umore. Solamente uno su quattro ritiene di non accusare alcun sintomo.

Questa ricerca sulle abitudini di preadolescenti e adolescenti italiani è stata condotta per il progetto “In rete con ragazzi. Una guida all’educazione digitale”, realizzato dalla Polizia di Stato in collaborazione con la Società Italiana di Pediatria, l’Associazione Nazionale Comuni Italiani, Google e UniCredit Foundation con l’obiettivo di favorire un utilizzo equilibrato dei dispositivi tecnologici e aiutare insegnanti, genitori e pediatri nel guidare i nativi digitali verso un rapporto corretto con la rete.

Da una parte, infatti, internet fornisce molte opportunità di crescita: sviluppa le abilità di ricerca, potenzia il senso di competenza e autoefficacia, mette a disposizione uno spazio per la propria creatività, favorisce la socializzazione con coetanei da tutto il mondo. Dall’altra, però, emergono i rischi legati ai dispositivi tecnologici: cyberbullismo, adescamento, dipendenza, mancanza di privacy.

Come supporto per chi ha a che fare con i ragazzi dai 9 ai 14 anni, abili in ambito digitale ma non pienamente consapevoli di un uso scorretto della rete, è stata realizzata una guida di facile consultazione che affronta diversi aspetti utili a favorire una navigazione il più possibile sicura e responsabile: i rischi e i consigli per parlarne, le patologie, come tutelare la privacy, i campanelli d’allarme, i comportamenti virtuosi per genitori e insegnanti. Inoltre, è disponibile una serie di schede didattiche per affrontare questi temi con i ragazzi.

Leggi qui la guida In rete con i ragazzi

Scarica qui le schede didattiche

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print