Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

La Russia intensifica la formazione militare dei bambini

Con la Yunarmiya, già 350.000 bambini sotto i 14 anni vivono l’atmosfera dell’esercito e imparano l’uso delle armi.

“Nei giorni scorsi, la responsabile dell’Autorità russa per i diritti del bambino, Anna Kuznetsova, ha inviato a tutte le sedi regionali una direttiva per incitare l’adesione dei bambini a partire dai sette anni alla Yunarmiya (l’Esercito della gioventù), un movimento patriottico giovanile sostenuto dallo Stato”.

Lo riporta AsiaNews, che da anche i numeri di questa organizzazione in cui si formano bambini soldato: sono 350.000 sotto i 14 anni, con l’obiettivo di raggiungere il mezzo milione entro il 9 maggio, festa della vittoria nella Seconda Guerra Mondiale, e il milione entro l’anno prossimo, quando ricorreranno i settantacinque anni della ricorrenza. I vari reparti dell’associazione sono costituiti nelle scuole, ma a breve si potrà attivarli anche negli orfanotrofi. Infatti, per l’adesione serve la firma dei genitori, mentre per gli orfani garantisce lo Stato. Il motivo, secondo l’Autorità per l’infanzia, è la necessità di dare a questi bambini abbandonati una prospettiva di vita migliore, visto che dalle statistiche solo il 10% di loro riesce poi a integrarsi in qualche modo nella società. Il restante 90% è destinato al suicidio (10%), alla delinquenza (40%) o alla dipendenza da alcol e droghe (40%).

“L’unità tra popolo-chiesa-esercito ha sostituito nella Russia di Putin la vecchia triade popolo-partito-esercito, come via per la felicità comune e la realizzazione personale. La nuova radicalizzazione dell’ideale patriottico, iniziata con le guerre in Georgia del 2011 e in Ucraina del 2014, viene riproposta alla vigilia del 18 marzo, quando verrà festeggiato il quinto anniversario del referendum di annessione della Crimea, evento-simbolo della nuova grande Russia.”

Per la militarizzazione dei bambini sono previsti giochi dai nomi evocativi come “Vittoria”, “Giovane soldato” e “Scudo siberiano”, montaggio e uso delle armi, campeggi e concorsi a premi in campi giovanili dell’esercito, con il sostegno e l’assistenza spirituali dei cappellani militari ortodossi. Nelle scuole si tengono appositi festival dedicati alle composizioni tipo “Lettera al soldato”, ai disegni sul “Soldato che protegge il paese” o “La patria degli eroi”, oppure a open-day quali “Giorno della chiamata alle armi” o “Giorno dei volontari della vittoria”.

“Qualche giorno fa, nella cattedrale di Sant’Isacco a San Pietroburgo, il coro dell’Armata Rossa ha tenuto un concerto di canti militari e canzoni patriottiche dei tempi sovietici, compresa una famosa canzone per bambini adattata ai giorni nostri: «Che sulla terra vi sia pace – ma se il capo chiama all’ultima battaglia – caro zio Vova [Putin], noi siamo con te». I bambini presenti al concerto hanno declamato un giuramento, in cui si promette perfino di riprendersi un giorno l’Alaska (che era russa fino ai primi del ‘900) e di sconfiggere i samurai, tema popolare in tempi di trattative col Giappone per chiudere finalmente il conflitto della seconda guerra mondiale.”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print