Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Progetti socio-educativi per combattere la povertà educativa

Area: Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia | Scadenza: 1 marzo 2022 | Settore: giovani, assistenza, istruzione

Scadenza

1 marzo 2022

Territorio a cui è rivolto

Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia

Chi eroga il contributo

Agenzia per la Coesione Territoriale

Finanziamento complessivo

€ 30.000.000

Contributo per singolo progetto

Il contributo dovrà essere compreso fra € 125.000 e 250.000 e non potrà essere superiore al 95% del costo complessivo ammissibile del progetto.

A chi è rivolto

I progetti devono essere presentati da partnership costituire da un minimo di tre soggetti. Sono ammessi a presentare proposte progettuali in qualità di soggetto proponente esclusivamente enti del Terzo settore operanti nello specifico settore di riferimento oggetto dell’avviso che, alla data di pubblicazione, risultino costituiti da almeno due anni. Oltre al soggetto proponente, nella partnership deve essere obbligatoriamente presente almeno un altro ente del Terzo settore. All’interno della partnership possono essere presenti anche soggetti appartenenti al mondo della scuola, delle istituzioni, degli enti locali e dei sistemi regionali di istruzione e formazione professionale, dell’università e della ricerca. Per l’ambito di intervento relativo alla fascia 11-17 anni deve obbligatoriamente essere presente almeno un soggetto appartenente al sistema regionale dell’istruzione e della formazione tecnico-professionale in possesso dei requisiti per l’accreditamento e/o gli istituti tecnico superiori.

Che cosa finanza

Obiettivo del presente avviso è il contrasto della povertà educativa delle regioni del Mezzogiorno attraverso il potenziamento dei servizi socioeducativi a favore dei minori, con specifico riferimento ai servizi assistenziali nella fascia 0-6 anni e a quelli di contrasto alla dispersione scolastica e di miglioramento dell’offerta educativa nella fascia 5-10 e 11-17 anni. I destinatari delle iniziative ammissibili dovranno essere i minori che versano in situazione di disagio o a rischio di devianza individuati anche dai servizi territoriali.

Informazioni

Se sei alla ricerca di contributi e hai domande riguardo alla partecipazione ai bandi, scrivi a ReteSicomoro.