Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Welfare di comunità e generativo

Area: Città metropolitana di Bologna | Scadenza: 15 marzo 2020 | Settori: sociale, assistenza, salute

Servizio gratuito realizzato con il contributo del

Scadenza

15 marzo 2020

Territorio a cui è rivolto

Città metropolitana di Bologna

Chi eroga il contributo

Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna

Finanziamento complessivo

€ 800.000,00

Contributo per singolo progetto

A chi è rivolto

Sotto il profilo soggettivo, possono proporre iniziative:
– i soggetti pubblici o privati senza scopo di lucro, dotati di personalità giuridica, nonché le imprese strumentali;
– le cooperative sociali;
– le imprese sociali;
– le cooperative che operano nel settore dello spettacolo, dell’informazione e del tempo libero;
– altri soggetti di carattere privato senza scopo di lucro, privi di personalità giuridica, che promuovono lo sviluppo economico o perseguono scopi di utilità sociale nel territorio di competenza della Fondazione.

Che cosa finanza

Il bando intende valorizzare e rafforzare le reti di solidarietà, presenti sul territorio dell’area metropolitana di Bologna, per contrastare le diverse forme di povertà che compromettono la qualità di vita delle persone, anche tramite la messa a disposizione di beni di prossimità. I progetti devono rientrare in almeno una delle seguenti linee di intervento, non come azioni di soddisfazione momentanea di bisogni ma come azioni volte al cambiamento di lungo periodo del contesto:
– sviluppo reti di prossimità: sviluppo di reti territoriali di prossimità tra soggetti appartenenti a diverse categorie (soggetti del terzo settore e dell’economia civile, istituzioni, soggetti profit, singoli o gruppi di cittadini) volte al contrasto della povertà e al miglioramento della qualità di vita. Trattasi di interventi che promuovono la fornitura di beni e servizi di prima necessità,la produzione di beni relazionali, azioni a sostegno di soggetti fragili e con l’opportunità di includere e valorizzare le stesse persone svantaggiate in un’ottica di welfare generativo;
– supporto al servizio reso a favore di persone indigenti: sostegno a quelle iniziative volte a contrastare il disagio tramite l’erogazione di un servizio organizzato e continuativo (ad esempio servizio mensa, servizi di prima necessità). I progetti possono essere rivolti anche ad evitare una contrazione dei servizi erogati e a consentire una maggiore quantità e qualità dei servizi offerti da parte degli enti preposti ciò tramite anche lo sviluppo di reti di prossimità.

Informazioni e consulenza

Banco BPM, nel suo impegno per il non profit, mette a disposizione i propri esperti per individuare le soluzioni migliori per andare a completare la copertura finanziaria del progetto partecipante ad un bando. Per questa e altre informazioni, scrivi a ReteSicomoro.