Cura del disagio giovanile negli oratori

Area: Provincia di Como | Scadenza: 30 gennaio 2019 | Settore: Giovani

Servizio gratuito realizzato con il contributo del

Scadenza

30 gennaio 2019

Territorio a cui è rivolto

Provincia di Como

Chi eroga il contributo

Fondazione provinciale della comunità comasca Onlus

Finanziamento complessivo

€ 30.000,00

Contributo per singolo progetto

Minimo € 5.000,00 e massimo € 15.000,00 (per progetti presentati da una singola organizzazione) o € 20.000,00 (per progetti presentati congiuntamente da più organizzazioni), con cofinanziamento massimo del 60%

A chi è rivolto

Saranno presi in considerazione esclusivamente i progetti presentati dalle organizzazioni non profit appartenenti alla Diocesi di Milano sul territorio della Provincia di Como. Tali organizzazioni dovranno essere enti senza scopo di lucro, che svolgono in via esclusiva o principale le attività di interesse generale di cui all’articolo 5 del D. Lgs. 3 luglio 2017, n. 117.

Che cosa finanza

Interventi di pubblica utilità volti a:
• dare unità progettuale e pedagog ica ai servizi che favoriscano la messa in comune delle esperienze educative, allargando la condivisione di percorsi e risorse tra soggetti, famiglie e comunità;
• rafforzare e consolidare ne l territorio il lavoro di rete e le collaborazioni con le amministrazioni, i servizi socio-educativi, le scuole, le organizzazioni non profit;
• consolidare il rapporto dei laici educatori presenti negli oratori a soste gnodelle attività socio-educative per favorire l’aggregazione giovanile e la coesione sociale tra i giovani;
• incrementare qual itativamente le attività svolte dal personale laico responsabile delle attività a favore dei giovani, privilegiando servizi ed attività per giovani che presentano particolari problematiche quali disagio giovanile, svantaggi familiari, difficoltà di apprendimento e socializzazione (ad esempio servizi di doposcuola, oratorio estivo, altre attività sociali);
• creare momenti di confronto tra famiglie, insegnanti, educatori, sia professionali sia volontari, sensibilizzando la popolazione adulta e gli enti del territorio alle problematiche e alle ricchezze dell’adolescenza, in un contesto sociale mutato, di difficile lettura e rapido cambiamento, nel quale la coesione educativa tra figure di riferimento nei diversi ambiti di vita è un’urgenza quanto mai sentita;
• valorizzare e/o strutturare spazi per accogliere ragazzi in difficolt à, con disagi, e migliorare e valorizzare spazi educativi e aggregativi per i giovani. Tale tipologia di interventi deve essere solo una parte del progetto.

Informazioni e consulenza

Banco BPM, nel suo impegno per il non profit, mette a disposizione i propri esperti per individuare le soluzioni migliori per andare a completare la copertura finanziaria del progetto partecipante ad un bando. Per questa e altre informazioni, scrivi a ReteSicomoro.