Liberi di crescere

Area: Italia | Scadenza: 10 febbraio 2023 | Settori: giovani, educazione, sociale

Scadenza

10 febbraio 2023

Territorio a cui è rivolto

Italia

Chi eroga il contributo

Con i Bambini

Finanziamento complessivo

€ 10.000.000

Contributo per singolo progetto

Sono considerati ammissibili solo i progetti che richiedano un contributo compreso tra € 250.000 e 750.000 e garantiscano una quota di cofinanziamento monetario pari ad almeno il 10% del costo totale.

A chi è rivolto

I progetti devono essere presentati da partnership costituite da almeno tre soggetti. Il soggetto responsabile deve essere un ente cui si applicano le disposizioni contenute nel Codice del Terzo settore, essere stato costituito da almeno due anni in forma di atto pubblico o di scrittura privata autenticata o registrata, avere la sede legale e/o operativa nella regione di intervento. La partnership deve includere (oltre al soggetto responsabile) almeno un altro ente di terzo settore (cui si applicano le disposizioni contenute nel Codice del Terzo settore) e, salvo nel caso la proposta preveda l’avvio di una nuova casa famiglia protetta, deve includere l’istituto/i penitenziario/i con il quale si collaborerà per l’individuazione dei beneficiari e l’implementazione delle attività progettuali. Gli altri soggetti della partnership possono appartenere, oltre che al mondo del Terzo settore e della scuola, anche a quello delle istituzioni, dei sistemi regionali di istruzione e formazione professionale, dell’università, della ricerca e al mondo delle imprese.

Che cosa finanza

Il bando ha l’obiettivo di promuovere un sano processo di crescita e di integrazione sociale dei minorenni figli di detenuti e di garantire la continuità del legame affettivo con il genitore detenuto. I progetti finanziati dovranno assicurare l’accesso a eque e significative opportunità di socializzazione e di integrazione ai minorenni con almeno un genitore detenuto, mediante percorsi di accompagnamento socioeducativo, di inclusione scolastica ed extra-scolastica, di costruzione di progetti di sviluppo personale, che, se adeguatamente sostenuti da agenzie educative competenti, possano ridurre l’impatto negativo che l’esperienza detentiva della madre e/o del padre esercita sul loro processo di crescita. Dovranno, inoltre, prevedere interventi volti a mantenere e a tutelare la relazione genitore-figlio durante il periodo di detenzione del genitore. Saranno sostenute iniziative, integrate e multidimensionali, che:
– favoriscano la presa in carico personalizzata dei figli minorenni di detenuti, in ambito scolastico ed extrascolastico, adottando strategie di intervento personalizzate in base alle fasce d’età e ai bisogni educativi;
– garantiscano una maggiore tutela dei figli in visita, nelle modalità e nelle condizioni di accesso alle carceri;
– favoriscano un ruolo attivo e consapevole dei genitori detenuti nella crescita e nell’educazione dei figli;
– intervengano nei contesti di esecuzione della pena, attraverso attività culturali, ludiche e ricreative dedicate alla diade genitore-figlio;
– prospettino occasioni di autoriflessione ed elaborazione della propria storia per i figli di detenuti e promuovano il loro protagonismo in esperienze positive di crescita;
– includano percorsi di supporto psicologico e di sostegno alla genitorialità per i genitori detenuti e per le famiglie attraversate dall’esperienza detentiva, specie quelle in condizioni di vulnerabilità socioeconomica, anche nella fase successiva alla scarcerazione;
– incoraggino la creazione di un sistema di supporto al nucleo familiare, mettendo in rete le risorse (umane ed economiche) presenti sul territorio;
– sostengano attività finalizzate al capacity building, al coordinamento, alla riflessione formativa e alla supervisione di operatori, educatori, insegnanti, funzionari giuridico-pedagogici, assistenti sociali e agenti di polizia penitenziaria.

Informazioni

Se sei alla ricerca di contributi e hai domande riguardo alla partecipazione ai bandi, scrivi a ReteSicomoro.