Impegnati nei diritti

Area: Provincia di Cuneo | Scadenza: 20 giugno 2024 | Settori: diritti, educazione

Scadenza

20 giugno 2024

Territorio a cui è rivolto

Provincia di Cuneo

Chi eroga il contributo

Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo

Finanziamento complessivo

€ 450.000

Contributo per singolo progetto

I singoli progetti verranno finanziati per un massimo di € 35.000. Non è previsto un cofinanziamento obbligatorio, tuttavia sarà considerato come criterio premiale la presenza di risorse proprie o finanziamenti di terzi utili alla realizzazione del progetto.

A chi è rivolto

I soggetti destinatari delle erogazioni devono non avere finalità di lucro, perseguire scopi di utilità sociale o di promozione dello sviluppo economico, operare nei settori di intervento ai quali
è rivolta l’erogazione.

Che cosa finanza

Il bando ricerca e sostiene iniziative mirate all’implementazione e alla creazione di esperienze concrete di coinvolgimento civico, di informazione e formazione della cittadinanza, di diffusione e tutela dei diritti – tradizionali ed emergenti – che abbiano risvolti effettivi e impatti positivi sul benessere delle persone beneficiarie degli interventi stessi. Tali iniziative ed idee possono essere presentate sotto forma di progetti orientati alla tutela delle persone, alla salvaguardia dell’ambiente e alla promozione, consapevole e rispettosa, del territorio.
A titolo esemplificativo ma non esaustivo si elencano una serie di progettualità considerate ammissibili:
– sportelli di ascolto e supporto per persone vittime di discriminazioni e violenze, al fine di tutelarne il diritto alla libertà, al benessere fisico, mentale e sociale, alla non discriminazione e all’uguaglianza;
– iniziative di divulgazione volte a sensibilizzare la popolazione sui diritti scelti come oggetto della proposta progettuale, coinvolgendo realtà attive sul territorio e la cittadinanza tutta, al fine di riportare l’attenzione collettiva sul tema dei diritti e l’importanza della loro tutela;
– eventi e performance artistiche che veicolino in modo originale il messaggio che l’ente promotore vuole comunicare, essendo allo stesso tempo la performance artistica di per sé mezzo di promozione del diritto al gioco e all’immaginazione;
– corsi e lezioni gratuiti per la condivisione e lo sviluppo di conoscenze e competenze digitali, necessarie per poter godere del diritto alla libertà informatica e all’alfabetizzazione digitale;
– individuazione di soluzioni durature legate al problema dell’abitare, fornendo tutele e supporto alle categorie di persone che, a causa di pregiudizi, discriminazioni, difficoltà economiche o la presenza di barriere architettoniche, vedono compromesso il loro diritto ad avere un’abitazione adeguata;
– collaborazioni con attività commerciali e istituti formativi del territorio per creare un percorso finalizzato all’inserimento lavorativo e all’acquisizione di nuove competenze per le persone con disabilità, al fine di promuovere la loro autonomia economica e creare una nuova dimensione di socialità;
– cicli di eventi organizzati con associazioni rappresentantive di diverse tradizioni culturali e religiose, al fine di promuovere ascolto, conoscenza reciproca e dialogo interreligioso fra comunità con origini lontane che abitano lo stesso territorio; così da creare un ambiente accogliente e sicuro e tutelare il diritto alla non discriminazione in senso ampio;
– laboratori volti, attraverso il gioco e attività ludiche, a favorire nei bambini e nelle persone adulte o con disabilità lo sviluppo cognitivo e socio-emotivo, la capacità di creare e inventare, la riduzione dello stress, di fare nuove amicizie;
– attività a contatto con l’ambiente aperte a tutte le categorie di persona per conoscere, promuovere e tutelare il territorio montano e collinare regionale;
– incontri volti ad agevolare uno scambio linguistico e culturale a sostegno dell’inclusione sociale di migranti.

Informazioni

Se sei alla ricerca di contributi e hai domande riguardo alla partecipazione ai bandi, scrivi a ReteSicomoro.