Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Operazioni per aumentare il potenziale di occupabilità dei giovani neet

Area: Regione Friuli Venezia Giulia | Scadenza: 31 marzo 2021 | Settori: giovani, educazione, formazione

Scadenza

31 marzo 2021

Territorio a cui è rivolto

Regione Friuli Venezia Giulia

Chi eroga il contributo

Regione Friuli Venezia Giulia – Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione e famiglia

Finanziamento complessivo

€ 1.800.000

Contributo per singolo progetto

Il contributo pubblico corrisponde al 100% della spesa ammissibile.

A chi è rivolto

Le candidature possono essere presentate da costituende Associazioni Temporanee di Scopo (ATS) formate da:
– uno o più soggetti pubblici o privati senza scopo di lucro e aventi tra i propri fini statutari la formazione professionale;
– uno o più enti locali per ciascuno dei cinque territori;
– due o più soggetti del Terzo settore;
– due o più imprese, in forma singola o aggregata, che possono duttilmente contribuire a conseguire le finalità e gli obiettivi di cui al presente avviso e a rafforzare la collaborazione con il tessuto produttivo locale;
– una o più organizzazioni datoriali;
– una o più istituzioni scolastiche statali e paritarie, appartenenti al sistema nazionale di istruzione, aventi la sede legale o didattica nel territorio del Friuli Venezia Giulia.
– università del Friuli Venezia Giulia e/o enti di ricerca che dispongono di specifiche competenze per favorire l’introduzione negli interventi di modelli innovativi di didattica e di metodologie di accompagnamento a favore di giovani vulnerabili;
– fondazioni ITS operanti in Friuli Venezia Giulia;
– poli tecnico-professionali nell’economia del mare, della montagna e nel settore culturale e creativo;
– soggetti gestori del cluster regionali coerenti con le tematiche sviluppate nelle cinque progettualità territoriali;
– uno o più enti pubblici economici;
– uno o più enti/associazioni operanti nel settore artistico culturale o sportivo.

Che cosa finanza

L’ATS individuata dovrà in primo luogo, nell’ambito delle cinque aree territoriali (giuliano, isontino, Udine e bassa friulana, medio e alto Friuli, pordenonese), definire cinque progettualità che, tenuto conto delle caratteristiche sociali e produttive del contesto territoriale di riferimento, abbiano quale macro obiettivo quello di valorizzare il contributo dei giovani nel perseguire nell’intero territorio di riferimento uno o più dei diciassette obiettivi individuati da Agenda 2030 e nel sostenere la strategia di cambiamento prevista dal Green deal europeo con l’apporto delle operazioni di cui al presente avviso. All’interno delle progettualità, l’ATS avrà il compito di progettare, aggiornare periodicamente e realizzare operazioni, anche di tipo prototipale, che dovranno soddisfare i seguenti bisogni dei giovani:
– lo sviluppo delle competenze di base e di cittadinanza;
– il potenziamento delle competenze digitali;
– l’incremento delle conoscenze generali sul tessuto socioeconomico e culturale della regione;
– il miglioramento della consapevolezza del sé e del proprio talento;
– un primo sviluppo e maturazione di competenze tecniche.
Le operazioni potranno essere articolate nelle seguenti tipologie d’intervento:
– attività formative anche di tipo esperienziale;
– attività non formative, attraverso seminari, laboratori in piccolo gruppo, visite in aziende, ecc.;
– attività di accompagnamento e tutoraggio, attraverso interventi di coaching, mentoring, ecc.;
– attività propedeutiche all’attivazione di tirocini extracurriculari limitatamente allo sviluppo di competenze tecniche.
Sono destinatari degli interventi i giovani di età compresa tra i diciotto anni compiuti e i trenta anni non compiuti, residenti o domiciliati in regione, che non sono impegnati in attività lavorative e non frequentano un percorso di studio o di formazione.

Informazioni

Se sei alla ricerca di contributi e hai domande riguardo alla partecipazione ai bandi, scrivi a ReteSicomoro.