Comunità solidali

Area: Regione Lazio | Scadenza: 16 febbraio 2023 | Settori: salute, sport, cultura, ambiente, educazione, sociale

Scadenza

16 febbraio 2023

Territorio a cui è rivolto

Regione Lazio

Chi eroga il contributo

Regione Lazio – Direzione Regionale per l’Inclusione Sociale

Finanziamento complessivo

€ 2.166.840

Contributo per singolo progetto

Il finanziamento richiesto per ciascun progetto non potrà essere inferiore a € 10.000 o superare l’importo di € 50.000. Ciascun progetto potrà prevedere, a titolo di cofinanziamento, ulteriori risorse finanziarie messe a disposizione dal soggetto proponente o dai soggetti del partenariato o da soggetti terzi, persone fisiche o giuridiche.

A chi è rivolto

Le risorse erogabili nell’abito del presente avviso sono destinate a:
– organizzazioni di volontariato (ODV) con sede legale sul territorio della Regione Lazio;
– associazioni di Promozione Sociale (APS) con sede legale sul territorio della Regione Lazio;
– fondazioni del Terzo settore con sede legale sul territorio della Regione Lazio;
singole o in partenariato tra loro, iscritte nelle rispettive sezioni del Registro unico Nazionale del Terzo settore (RUNTS). Considerata la fase in corso di popolamento del RUNTS, le proposte progettuali potranno esser presentate anche da ODV, APS e fondazioni interessate dal processo di trasmigrazione nel RUNTS alla data di pubblicazione del presente avviso. Possono partecipare anche le fondazioni del Terzo settore con sede legale sul territorio della Regione Lazio iscritte nella anagrafe delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale.

Che cosa finanza

Il presente avviso è finalizzato al sostegno degli enti del Terzo settore, elemento fondamentale del tessuto sociale regionale, per favorirne la crescita e l’autonomia, affinché essi possano svilupparsi verso la direzione più congrua all’implementazione di attività di interesse generale. L’obiettivo è sostenere progettualità capaci di fornire risposte concrete, in un’ottica di multidimensionalità del bisogno, che abbiano un forte carattere di prossimità in risposta ai bisogni dei cittadini e che vedano il territorio e i cittadini attori delle politiche di sviluppo sociale ed economico delle comunità locali. Le proposte progettuali che gli enti del Terzo settore potranno presentare dovranno essere coerenti con le proprie finalità statutarie e realizzarsi all’interno del territorio della Regione Lazio. Le proposte progettuali dovranno, inoltre, essere coerenti con almeno una delle cinque macroaree di intervento di seguito elencate (oggettivamente riconducibili agli obiettivi dell’Agenda 2030, adottata dall’Assemblea generale dell’ONU) e con almeno una delle azioni prioritarie elencate all’interno della medesima macroarea scelta. Se necessario, gli enti potranno indicare altre azioni (c.d. azioni secondarie) della medesima macroarea che dovranno, in ogni caso, risultare coerenti con le attività di interesse generale previste dallo statuto dell’ente. Le macroaree di intervento sono:
– salute, sport, cultura;
– ambiente;
– prevenzione e contrasto delle forme di violenza, discriminazione e intolleranza;
– educazione civica;
– promuovere l’occupazione e l’inclusione lavorativa.

Informazioni

Se sei alla ricerca di contributi e hai domande riguardo alla partecipazione ai bandi, scrivi a ReteSicomoro.