Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Aiuti alle imprese per assunzioni di soggetti disoccupati

Area: Regione Marche | Scadenza: Fino a esaurimento delle risorse | Settore: sociale

Servizio gratuito realizzato con il contributo del

Scadenza

Fino a esaurimento delle risorse

Territorio a cui è rivolto

Regione Marche

Chi eroga il contributo

Regione Marche

Finanziamento complessivo

€ 4.000.000,00

Contributo per singolo progetto

Assunzione a tempo indeterminato: contributo di € 10.000,00; assunzione a tempo determinato di almeno 24 mesi: € 5.000,00.

A chi è rivolto

Possono presentare domanda a valere sul presente Avviso Pubblico esclusivamente le imprese che sono risultate beneficiarie del contributo nell’Area di crisi del Piceno, di cui al DDPF n. 59/ACF/16 e ss mm e ii o dell’Avviso di cui alla Circolare del MISE n.120340/2017.Dette imprese, per poter accedere all’incentivo di cui trattasi devono essere in possesso dei sottoelencati requisiti di carattere generale, indipendentemente dalla forma giuridica:
a) iscritte alla Camera di Commercio o registro equivalente;
b) che abbiano, almeno al momento del pagamento dell’aiuto, sede legale e/o operativa nel territorio regionale;
c) che sono in regola con le norme che disciplinano le assunzioni obbligatorie previste dalla L. 68/1999 e s.m. È esclusa, pertanto, la possibilità che gli aiuti vengano erogati per raggiungere le quote di assunzioni obbligatorie previste dalla stessa norma;
d) che sono in regola con l’applicazione del CCNL, regionale, gli accordi interconfederali sottoscritti da associazioni di datori di lavoro ed organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative;
e) che sono in regola con l’osservanza degli obblighi contributivi ed assicurativi previsti dalla normativa vigente;
f) che sono in regola con la normativa vigente in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, di cui al D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i.;
g) che sono attive, ovvero che non si trovano in stato di fallimento oppure di liquidazione o abbiano presentato domanda di concordato;
h) che non hanno effettuato licenziamenti, fatti salvi quelli per giusta causa e per giustificato motivo soggettivo e fatti salvi specifici accordi sindacali con le organizzazioni territoriali più rappresentative, nei 6 (sei) mesi precedenti la presentazione della domanda di finanziamento;
i) che non hanno in corso procedure di CIGS per la stessa qualifica professionale oggetto della richiesta di contributo;
j) che non sono sottoposti ad alcuna misura di prevenzione, di cui al D.lgs 159/2011, e che non sono a conoscenza dell’esistenza a proprio carico di procedimenti in corso;
k) che non hanno rapporti di parentela, affinità e coniugio con i soggetti che si intendono assumere, secondo la definizione dell’art. 230 bis c.c., come introdotto dalla L. n. 151/1975 sulla riforma del diritto di famiglia;
l) che non hanno in corso e non hanno attivato procedure concorsuali nei dodici mesi antecedenti la domanda.

Che cosa finanza

Il bando intende sostenere le imprese che assumono a tempo indeterminato e determinato lavoratori residenti nella Regione.

Informazioni e consulenza

Banco BPM, nel suo impegno per il non profit, mette a disposizione i propri esperti per individuare le soluzioni migliori per andare a completare la copertura finanziaria del progetto partecipante ad un bando. Per questa e altre informazioni, scrivi a ReteSicomoro.