Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Digitalizzazione dei beni culturali

Area: Provincia di Perugia | Scadenza: 30 luglio 2021 | Settori: beni culturali, cultura, formazione

Scadenza

30 luglio 2021

Territorio a cui è rivolto

Comuni di Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Bevagna, Cascia, Castiglione del Lago, Città della Pieve, Collazzone, Corciano, Costacciaro, Deruta, Fossato di Vico, Fratta Todina, Gualdo Tadino, Gubbio, Lisciano Niccone, Magione, Marsciano, Massa Martana, Monte Castello di Vibio, Montone, Nocera Umbra, Norcia, Paciano, Panicale, Passignano sul Trasimeno, Perugia, Piegaro, Pietralunga, Preci, Scheggia e Pascelupo, Scheggino, Sigillo, Spello, Todi, Torgiano, Tuoro sul Trasimeno, Umbertide, Valfabbrica

Chi eroga il contributo

Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia

Finanziamento complessivo

€ 400.000

Contributo per singolo progetto

Il contributo richiesto non potrà superare l’importo di € 40.000, tenuto conto che la Fondazione finanzierà il progetto fino a una concorrenza massima dell’80%.

A chi è rivolto

I progetti dovranno essere presentati esclusivamente da uno dei seguenti soggetti:
– enti pubblici;
– enti religiosi civilmente riconosciuti;
– enti privati senza scopo di lucro, costituiti da almeno due anni dalla data di pubblicazione del presente bando: 31 maggio 2021.

Che cosa finanza

Le proposte progettuali dovranno riguardare interventi per la digitalizzazione dei beni culturali finalizzati ad almeno uno dei seguenti obiettivi:
– una più ampia fruizione del patrimonio storico-artistico, bibliografico, archivistico e demo-etno-antropologico;
– favorire attività di tutela e conservazione del patrimonio storico-artistico, bibliografico, archivistico e demo-etno-antropologico;
– realizzazione di iniziative legate alla promozione del patrimonio storico-artistico, bibliografico, archivistico e demo-etno-antropologico anche con scopi turistici e culturali;
– valorizzare opere d’arte, complessi museali e contesti monumentali anche attraverso l’uso di tecnologie digitali innovative;
– contribuire alla formazione e sviluppo negli operatori culturali e nei potenziali fruitori di una cultura digitale, anche oltre l’emergenza pandemica.

Informazioni

Se sei alla ricerca di contributi e hai domande riguardo alla partecipazione ai bandi, scrivi a ReteSicomoro.