Vivomeglio

Area: Regioni Piemonte e Valle d’Aosta | Scadenza: 29 luglio 2022 | Settore: disabilità

Scadenza

29 luglio 2022

Territorio a cui è rivolto

Regioni Piemonte e Valle d’Aosta

Chi eroga il contributo

Fondazione CRT

Finanziamento complessivo

Contributo per singolo progetto

Il contributo massimo erogabile per ciascun progetto presentato non potrà essere superiore a € 30.000. Si richiede che l’ente richiedente disponga già in sede di domanda di un cofinanziamento acquisito (risorse proprie e/o fondi di terzi) pari ad almeno 1/3 (34%) del costo totale di progetto.

A chi è rivolto

Potranno accedere al finanziamento gli enti pubblici e le organizzazioni senza scopo di lucro (a titolo esemplificativo e non esaustivo associazioni, fondazioni e comitati con o senza personalità giuridica), formalmente costituite prima del 31/12/2020, che svolgano attività a favore di persone con disabilità.

Che cosa finanza

Con il presente bando la Fondazione intende sostenere progetti che propongano soluzioni nuove, efficaci e sostenibili per favorire l’inclusione sociale, lo sviluppo delle autonomie e delle abilità personali, l’empowerment di persone con disabilità in tutti gli ambiti della vita quotidiana. I progetti presentati all’interno del bando potranno riguardare i seguenti ambiti di intervento:
– abitare sociale: vi rientrano programmi di avvicinamento all’autonomia abitativa e di preparazione alla vita indipendente orientati al “dopo di noi”;
– sostenere le famiglie: vi rientrano gli interventi a supporto della persona con disabilità e della sua famiglia (informazione, ascolto, sostegno psicologico, orientamento, accompagnamento domiciliare);
– vivere il territorio: vi rientrano programmi ludico-ricreativi e momenti strutturati di aggregazione sociale e di fruizione delle opportunità offerte dal territorio in un’ottica di empowerment e di potenziamento delle capacità espressive e/o di inclusione delle persone con disabilità;
– lavorare per crescere: vi rientrano percorsi propedeutici o finalizzati all’inserimento lavorativo delle persone con disabilità;
– imparare dentro e fuori la scuola: vi rientrano percorsi di apprendimento e di acquisizione di competenze che esulano dal comune piano formativo dedicati alle persone con disabilità, ma anche interventi di sensibilizzazione sui temi dell’inclusione e dell’accoglienza dedicati alle famiglie, agli operatori, ai volontari, alle figure educative che a vario titolo si relazionano con le persone con disabilità;
– curare e curarsi: vi rientrano soluzioni organizzative e formative che favoriscano l’accesso e la fruizione di servizi sanitari e riabilitativi.

Informazioni

Se sei alla ricerca di contributi e hai domande riguardo alla partecipazione ai bandi, scrivi a ReteSicomoro.