Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Prevenzione e contrasto delle violenze a danno di minori stranieri

Area: Italia | Scadenza: 5 ottobre 2020 | Settori: giovani, assistenza, diritti, formazione

Scadenza

5 ottobre 2020

Territorio a cui è rivolto

Italia

Chi eroga il contributo

Ministero dell’Interno

Finanziamento complessivo

€ 10.000.000,00

Contributo per singolo progetto

Minimo € 100.000,00

A chi è rivolto

Possono presentare proposte progettuali i seguenti soggetti:
– regioni ed enti locali;
– aziende ospedaliere;
– camere di commercio;
– istituti e scuole pubbliche di istruzione primaria e secondaria;
– università, ovvero, singoli Dipartimenti Universitari;
– organismi e organizzazioni internazionali;
– organismi di diritto privato senza fini di lucro;
– ONG;
– associazioni od ONLUS;
– società cooperative e società consortili;
– fondazioni di diritto privato;
– istituti di ricerca pubblici e privati;
– associazioni sindacali, datoriali, organismi di loro emanazione/derivazione, enti bilaterali.

Che cosa finanza

A titolo esemplificativo, gli ambiti progettuali di riferimento sono:
– rafforzamento delle reti territoriali a supporto dei servizi di emersione e presa in carico dei minori vittime o potenziali vittime di violenza e delle rispettive famiglie;
– definizione di protocolli operativi ai fini dell’emersione e della presa in carico di minori vittime o potenziali vittime di violenza e delle rispettive famiglie;
– interventi di informazione e formazione in chiave interculturale su tematiche specifiche legate alla violenza nei confronti dei minori (es. tutela del superiore interesse, genitorialità in chiave interculturale, emersione delle vulnerabilità, mutilazioni genitali, modalità di segnalazione e presa in carico delle potenziali vittime, ecc…). Tali attività dovranno essere indirizzate agli operatori impegnati nei vari settori della tutela dei minori (es. assistenti sociali, personale scolastico, personale sanitario, operatori, ecc…);
– qualificazione e potenziamento dell’offerta dei servizi per migliorare, in termini di efficacia ed efficienza, la presa in carico dei minori stranieri vittime di violenza e l’invio ai servizi del territorio, anche attraverso metodologie integrate ed innovative;
– interventi sperimentali, funzionali al miglioramento della capacità di gestione, che prevedano l’attivazione di servizi a supporto dei minori stranieri vittime o potenziali vittime di violenza, intesa in ogni sua accezione, e delle rispettive famiglie.

Informazioni

Se sei alla ricerca di contributi e hai domande riguardo alla partecipazione ai bandi, scrivi a ReteSicomoro.