Trasformazione digitale in ambito culturale

Area: Regioni Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta | Scadenza: 11 luglio 2024 | Settore: cultura

Scadenza

11 luglio 2024

Territorio a cui è rivolto

Regioni Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta

Chi eroga il contributo

Fondazione Compagnia di San Paolo

Finanziamento complessivo

Contributo per singolo progetto

Si prevede un contributo per progetto non superiore a € 75.000, a copertura massima del 75% del budget del progetto esecutivo, con un cofinanziamento richiesto all’ente non inferiore al 25%.

A chi è rivolto

Rivestono requisiti soggettivi di ammissibilità le tipologie di enti seguenti:
– fondazioni, associazioni riconosciute o non riconosciute, comitati o enti affini, comunque privi di scopo di lucro, operanti in modo esclusivo o prevalente nei settori rilevanti, oltre agli enti del Terzo settore, come pure le cooperative operanti nel campo dello spettacolo, dell’informazione e del tempo libero;
– gli enti indicati al punto precedente, comunque privi di scopo di lucro, anche qualora il loro principale scopo sociale non riguardi i settori rilevanti;
– enti pubblici, territoriali o meno, le cui attività ricadano nella sfera dei settori rilevanti;
– enti territoriali aventi finalità di carattere generale, quali comuni, regioni, città metropolitane, comunità montane, unioni di comuni o enti senza fini di lucro da essi partecipati, limitatamente a iniziative connotate da particolare rilievo esclusivamente nella sfera dei settori rilevanti;
– le società o associazioni sportive dilettantistiche regolarmente iscritte al registro del CONI;
– enti religiosi di diversa natura giuridica, limitatamente alla realizzazione di iniziative connotate da particolare rilievo esclusivamente con riferimento ai settori rilevanti e con esclusione delle attività di carattere confessionale.

Che cosa finanza

Con il presente bando la Fondazione intende sostenere la trasformazione digitale del comparto culturale attraverso contributi a progetti inseriti in piani di innovazione pluriennali che mirino a potenziare cultura e competenze di innovazione degli enti culturali, a migliorarne la sostenibilità e accrescere l’ibridazione con il comparto tecnologico.
In particolare, le Linee guida sollecitano candidature che:
– identifichino in modo chiaro la strategia tecnologica/digitale dell’ente culturale, contestualizzandola nell’analisi dei suoi e bisogni e della sua strategia complessiva;
– declinino la suddetta la strategia tecnologica/digitale in progetti e attività nell’ambito della valorizzazione e della fruizione culturale;
– verifichino e quantifichino le risorse tecniche, materiali e umane necessarie per realizzare la strategia tecnologica/digitale.

Informazioni

Se sei alla ricerca di contributi e hai domande riguardo alla partecipazione ai bandi, scrivi a ReteSicomoro.