Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Interventi di cooperazione allo sviluppo

Area: Regione Sardegna | Scadenza: 15 settembre 2021 | Settori: diritti, sociale, salute, istruzione

Scadenza

15 settembre 2021

Territorio a cui è rivolto

Regione Sardegna

Chi eroga il contributo

Regione Sardegna – Direzione Generale

Finanziamento complessivo

€ 600.000

Contributo per singolo progetto

Il contributo regionale non potrà eccedere il 70% del costo totale del progetto fino a un massimo di € 60.000.

A chi è rivolto

Le istanze progettuali potranno essere presentate dai seguenti soggetti capofila:
– comuni del territorio regionale o altre forme associative tra i medesimi;
– associazioni di volontariato e/o organizzazioni non governative riconosciute dal Ministero degli affari esteri;
– le università isolane.
Possono ricoprire il ruolo di partner i seguenti soggetti:
– comuni del territorio regionale o altre forme associative tra i medesimi;
– associazioni di volontariato e/o organizzazioni non governative riconosciute dal Ministero degli affari esteri;
– università e istituti di ricerca
– organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) statutariamente finalizzate alla cooperazione allo sviluppo e alla solidarietà internazionale;
– organizzazioni di commercio equo e solidale, della finanza etica e del microcredito che nel proprio statuto prevedano come finalità prioritaria la cooperazione internazionale allo sviluppo;
– organizzazioni e associazioni delle comunità di immigrati che mantengano con le comunità dei Paesi di origine rapporti di cooperazione e sostegno allo sviluppo;
– organizzazioni sindacali dei lavoratori e degli imprenditori, le fondazioni, le associazioni di promozione sociale qualora i loro statuti prevedano la cooperazione allo sviluppo tra i fini istituzionali;
– organizzazioni con sede legale in Italia che godono da almeno quattro anni dello status consultivo presso il Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite;
– enti pubblici;
– imprese.
Tutti i soggetti dovranno avere la sede legale e operativa in Sardegna da almeno un anno alla data di scadenza del presente bando. Le iniziative dovranno essere obbligatoriamente realizzate insieme a uno o più partner esteri.

Che cosa finanza

La Regione Sardegna con il presente bando intende promuovere, in coerenza con gli obiettivi dell’Agenda ONU 2030 sullo sviluppo sostenibile e nel rispetto degli indirizzi statali in materia, la realizzazione di iniziative di cooperazione nelle seguenti aree tematiche:
– promozione dei diritti umani, parità di genere, partecipazione democratica, miglioramento della governance e sostegno della società civile;
– agricoltura, sicurezza alimentare e accesso all’acqua;
– sviluppo umano, salute, istruzione;
– sviluppo economico endogeno, inclusivo e sostenibile, del settore privato;
– prevenzione e contenimento della diffusione epidemiologica del Covid-19.
Le aree geografiche in cui intervenire sono:
– Africa mediterranea: Egitto, Tunisia;
– Africa orientale: Etiopia, Kenya, Somalia, Sudan, Sud Sudan;
– Africa occidentale: Burkina Faso, Niger, Senegal;
– Africa australe: Mozambico;
– Medio oriente: Giordania, Iraq, Libano, Palestina;
– Balcani: Albania, Bosnia;
– Europa orientale: Bielorussia;
– America Latina e Caraibi: Cuba, El Salvador;
– Asia: Afghanistan, Myanmar, Pakistan.
L’azione della Cooperazione regionale potrà anche estendersi ad altre aree geografiche più vaste rispetto a quelle sopra elencate, purché riconducibili a Paesi invia di sviluppo.

Informazioni

Se sei alla ricerca di contributi e hai domande riguardo alla partecipazione ai bandi, scrivi a ReteSicomoro.