Sostegno di presidi sportivi ed educativi in quartieri e periferie disagiate

Area: Italia | Scadenza: 20 febbraio 2023 | Settore: sport, educazione

Scadenza

20 febbraio 2023

Territorio a cui è rivolto

Italia

Chi eroga il contributo

Sport e Salute

Finanziamento complessivo

€ 960.000

Contributo per singolo progetto

L’importo massimo erogabile alle ASD/SSD capofila per ciascun presidio sportivo/educativo approvato è pari ad un massimo di € 50.000.

A chi è rivolto

Possono presentare la propria candidatura le Associazione Sportive Dilettantistiche o le Società Sportive Dilettantistiche in possesso dei requisiti indicati nel bando.

Che cosa finanza

L’intervento deve essere rivolto a cittadini residenti o domiciliati nel comune o nell’area metropolitana in cui sarà realizzato il progetto o in cui opera l’ASD/SSD con particolare attenzione alla popolazione straniera e con background migratorio, al fine di offrire uno spazio alternativo e positivo rispetto a contesti territoriali e familiari difficili. Le ASD/SSD dovranno presentare un progetto destinato a bambini/e e ragazzi/e dai 5 ai 17 anni, donne e adulti della comunità con particolare attenzione a persone straniere e con background migratorio. Si fa presente che almeno il 30% dei beneficiari dell’intervento deve essere straniero o avere un background migratorio. Il programma di attività sportive e educative, presentato in fase di candidatura da ciascuna ASD/SSD, dovrà prevedere un calendario di attività in favore dei beneficiari da svolgersi durante tutto l’arco della durata del progetto. In particolare, il programma dovrà essere predisposto per garantire lo svolgimento delle attività di seguito indicate nel corso dell’anno in modo flessibile, a seconda degli scenari e delle conseguenti esigenze che si presenteranno al momento dell’avvio effettivo dei progetti:
– attività sportiva gratuita extra-scolastica per un periodo che va da un minimo di 8 a un massimo di 9 mesi in favore di bambini/e e ragazzi/e;
– attività sportiva gratuita per donne e adulti;
– incontri con nutrizionisti e testimonial sui corretti stili di vita, sul rispetto delle regole e sui valori positivi dello sport aperti alle famiglie e alla comunità.
In aggiunta a quanto sopra indicato, in fase di candidatura la ASD/SSD capofila può proporre ulteriori attività, eventi, percorsi sportivi ed educativi destinati anche ad altri target come ad esempio:
– centri estivi durante il periodo di chiusura delle scuole;
– doposcuola pomeridiani per i bambini;
– attività specifiche finalizzate all’inclusione di bambini/e e ragazzi/e dai 5 ai 17 anni, donne e adulti con almeno il 30% di persone straniere e con background migratorio.

Informazioni

Se sei alla ricerca di contributi e hai domande riguardo alla partecipazione ai bandi, scrivi a ReteSicomoro.