Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Bando Sport

Area: Provincia di Forlì | Scadenza: 20 febbraio 2019 | Settori: Giovani, Sport

Servizio gratuito realizzato con il contributo del

Scadenza

20 febbraio 2019

Territorio a cui è rivolto

Comuni di Forlì, Forlimpopoli, Bertinoro, Meldola, Santa Sofia, Civitella di Romagna, Galeata, Bagno di Romagna, Verghereto, Predappio, Premilcuore, Castrocaro Terme e Terra del Sole, Dovadola, Rocca San Casciano, Portico e San Benedetto, Modigliana, Tredozio

Chi eroga il contributo

Fondazione CaRiForlì

Finanziamento complessivo

€ 300.000,00

Contributo per singolo progetto

€ 20.000,00 con cofinanziamento massimo del 20% (se è prevista una sola attività tra quelle suggerite), € 30.000,00 con cofinanziamento massimo del 30% (se sono previste due o più attività tra quelle suggerite)

A chi è rivolto

Il bando è rivolto a:
– associazioni sportive dilettantistiche di I livello;
– associazioni di II livello operanti nel settore dello sport. Per Ente di II livello si intende un’associazione di associazioni riconosciuta a livello nazionale;
– Ufficio Scolastico Territoriale o istituti scolastici del territorio di intervento della Fondazione (solo ed esclusivamente per l’organizzazione di eventi sportivi).

Che cosa finanza

Le associazioni sportive dilettantistiche di I livello e le associazioni di II livello potranno presentare richiesta di contributo per le seguenti attività:
– progetti di avviamento allo sport giovanile con particolare attenzione rivolta ad iniziative di integrazione, sviluppo della socialità e dell’aggregazione giovanile;
– progetti di prevenzione dell’abbandono sportivo da parte dei giovani;
– progetti di avviamento allo sport e attività motoria rivolti a giovani con disabilità di tipo psico-fisico in stato di disagio con particolare attenzione ai progetti atti a prevenire, rallentare, contrastare e accompagnare la non autosufficienza, nonché finalizzati ad un’appropriata definizione della pratica sportiva;
– progetti di attività motoria per la scuola, ad esclusione della scuola dell’infanzia, purché non già inseriti nel piano dell’offerta formativa dell’istituto o già finanziati dalla Fondazione (es. Classi in Movimento);
– attività istituzionale rivolta in particolare all’infanzia e ai giovani;
– organizzazione di eventi sportivi e di promozione rivolti alle giovani generazioni e/o ai soggetti diversamente abili.

Informazioni e consulenza

Banco BPM, nel suo impegno per il non profit, mette a disposizione i propri esperti per individuare le soluzioni migliori per andare a completare la copertura finanziaria del progetto partecipante ad un bando. Per questa e altre informazioni, scrivi a ReteSicomoro.