Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Attività di utilità sociale nell’emergenza Covid-19

Area: Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia, Lombardia e Veneto | Scadenza: 4 febbraio 2022 | Settori: sociale, assistenza, sanità, educazione, istruzione, formazione, cultura, beni culturali, arte, ambiente, sport

Scadenza

4 febbraio 2022

Territorio a cui è rivolto

Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia, Lombardia e Veneto

Chi eroga il contributo

Agenzia per la Coesione Territoriale

Finanziamento complessivo

€ 80.000.000

Contributo per singolo progetto

Il contributo massimo assegnabile a ciascun ente non potrà mai essere superiore al valore delle entrate dichiarate nel bilancio 2019 né superare l’importo massimo di € 10.000.

A chi è rivolto

Possono accedere al contributo le seguenti categorie di enti:
– organizzazioni di volontariato con sede operativa in una delle regioni indicate che, alla data di pubblicazione del presente avviso, risultino iscritte nei registri previsti;
– associazioni di promozione sociale con sede operativa in una delle regioni indicate che, alla data di pubblicazione del presente avviso, risultino iscritte nei registri nazionale o regionali previsti;
– organizzazioni non lucrative di utilità sociale con sede operativa in una delle regioni indicate che, alla data di pubblicazione del presente avviso, risultino iscritte nella relativa anagrafe.

Che cosa finanza

Il presente bando è destinato al sostegno dei soggetti destinatari con la finalità di rafforzare l’azione di tutela delle fasce più deboli della popolazione a seguito dell’emergenza epidemiologica da Covid-19. Il contributo è destinato agli enti che hanno svolto, in coerenza con i rispettivi statuti, nel periodo compreso tra il 31/01 /2020 e il 31/12/2021, almeno una delle seguenti attività di interesse generale:
– interventi e servizi sociali;
– prestazioni socio-sanitarie;
– educazione, istruzione e formazione professionale, nonché attività culturali di interesse sociale con finalità educativa;
– interventi e servizi finalizzati alla salvaguardia e al miglioramento delle condizioni dell’ambiente e all’utilizzazione accorta e razionale delle risorse naturali, con esclusione dell’attività, esercitata abitualmente, di raccolta e riciclaggio dei rifiuti urbani, speciali e pericolosi, nonché alla tutela degli animali e prevenzione del randagismo;
– interventi di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale e del paesaggio;
– organizzazione e gestione di attività culturali, artistiche o ricreative di interesse sociale, incluse attività, anche editoriali, di promozione e diffusione della cultura e della pratica del volontariato e delle attività di interesse generale;
– formazione extra-scolastica, finalizzata alla prevenzione della dispersione scolastica e al successo scolastico e formativo, alla prevenzione del bullismo e al contrasto della povertà educativa;
– servizi strumentali a enti del Terzo settore resi da enti composti in misura non inferiore al settanta per cento da enti del Terzo settore;
– servizi finalizzati all’inserimento o al reinserimento nel mercato del lavoro dei lavoratori e delle persone;
– alloggio sociale, nonché ogni altra attività di carattere residenziale temporaneo diretta a soddisfare bisogni sociali, sanitari, culturali, formativi o lavorativi;
– accoglienza umanitaria ed integrazione sociale dei migranti;
– agricoltura sociale;
– organizzazione e gestione di attività sportive dilettantistiche;
– beneficenza, sostegno a distanza, cessione gratuita di alimenti o prodotti, o erogazione di denaro, beni o servizi a sostegno di persone svantaggiate o di attività di interesse generale;
– promozione della cultura della legalità, della pace tra i popoli, della nonviolenza e della difesa non armata;
– promozione e tutela dei diritti umani, civili, sociali e politici, nonché dei diritti dei consumatori e degli utenti delle attività di interesse generale di cui al presente articolo, promozione delle pari opportunità e delle iniziative di aiuto reciproco, incluse le banche dei tempi e i gruppi di acquisto solidale;
– riqualificazione di beni pubblici inutilizzati o di beni confiscati alla criminalità organizzata.

Informazioni

Se sei alla ricerca di contributi e hai domande riguardo alla partecipazione ai bandi, scrivi a ReteSicomoro.