Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Progetti di interscambio

Area: Provincia di Trento | Scadenza: 31 gennaio di ogni anno | Settori: diritti, educazione

Servizio gratuito realizzato con il contributo del

Scadenza

31 gennaio di ogni anno

Territorio a cui è rivolto

Provincia di Trento

Chi eroga il contributo

Provincia di Trento

Finanziamento complessivo

Contributo per singolo progetto

Massimo € 100.000 e cofinanziamento massimo dell’80%

A chi è rivolto

I soggetti in possesso dei seguenti requisiti soggettivi possono essere beneficiari dei contributi per la realizzazione di progetti di cooperazione internazionale allo sviluppo:
– essere organismi volontari di cooperazione allo sviluppo: è necessario che il volontariato sia citato espressamente nello statuto o che non siano previsti compensi per le cariche sociali e che la cooperazione allo sviluppo oppure la solidarietà internazionale siano esplicitamente citate tra le finalità statutarie dell’organismo;
– avere la sede legale, domicilio fiscale e luogo d’esercizio in provincia di Trento;
– possedere il requisito dell’operatività: gli organismi di volontariato dovranno dimostrare di aver svolto in maniera continuativa da almeno un anno, sul territorio provinciale, attività di educazione/sensibilizzazione sulle tematiche della cooperazione internazionale allo sviluppo. In particolare sarà necessario dimostrare che il soggetto abbia realizzato, negli ultimi dodici mesi precedenti alla presentazione della domanda di contributo, almeno 3 momenti di sensibilizzazione aperti alla cittadinanza (serate, dibattiti, proiezioni, mostre…).

Che cosa finanza

Il bando intende sostenere la realizzazione di progetti di cooperazione allo sviluppo, di educazione alla cittadinanza globale e di interscambio:
– progetti di cooperazione internazionale allo sviluppo: costituiscono attività di cooperazione internazionale allo sviluppo tutte le azioni che mirano a sradicare la povertà, ridurre le disuguaglianze, promuovere uno sviluppo sostenibile, affermare i diritti umani, la dignità della persona, l’uguaglianza di genere, la democrazia, prevenire i conflitti e sostenere i processi di riconciliazione. Tali attività promuovono il cambiamento sociale attraverso la partecipazione attiva delle comunità del Nord e del Sud del mondo;
– progetti di educazione alla cittadinanza globale: costituiscono attività di informazione ed educazione alla cittadinanza mondiale tutte le attività generatrici di processi di educazione e cambiamento (educazione, sensibilizzazione, impegno civile, lobby) fortemente connessi con la cooperazione internazionale e organizzate intorno a valori base quali diritti umani, eguaglianza, rispetto e valorizzazione delle diversità, dialogo tra culture, interdipendenza reciproca e sviluppo sostenibile dal punto di vista economico, sociale ed ambientale;
– interscambi: i progetti di interscambio, promossi da organismi volontari di cooperazione internazionale allo sviluppo, prevedono lo scambio tra gruppi di persone del Trentino con altre realtà presenti nei Paesi della lista DAC. L’interscambio si deve necessariamente collegare a progetti di cooperazione internazionale allo sviluppo e di educazione alla cittadinanza globale finanziati dalla Provincia autonoma di Trento.

Informazioni e consulenza

Banco BPM, nel suo impegno per il non profit, mette a disposizione i propri esperti per individuare le soluzioni migliori per andare a completare la copertura finanziaria del progetto partecipante ad un bando. Per questa e altre informazioni, scrivi a ReteSicomoro.