Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Iniziative di cooperazione allo sviluppo

Area: Italia | Scadenza: 8 aprile 2021 | Settori: sociale, assistenza, diritti, istruzione, salute, beni culturali, ambiente

Scadenza

8 aprile 2021

Territorio a cui è rivolto

Italia

Chi eroga il contributo

Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo

Finanziamento complessivo

€ 91.013.879

Contributo per singolo progetto

Per i Lotti 1 e 2, la proposta deve contenere una richiesta di contributo non superiore a € 1.800.000 per iniziative di durata triennale e a € 1.200.000 per iniziative di durata biennale, mentre per le iniziative triennali che si intendono realizzare in ATS la richiesta di contributo non deve superare € 3.600.000; l’importo minimo del contributo è di € 800.000 e non può essere superiore al 95% del costo totale dell’iniziativa. Per il Lotto 3, la proposta deve contenere una richiesta di contributo non superiore a € 400.000 per iniziative di durata annuale e € 800.000 per iniziative di durata biennale; l’importo minimo del contributo è di € 150.000 e non può essere superiore al 95% del costo totale dell’iniziativa.

A chi è rivolto

Sono ammesse alla partecipazione al presente bando, in qualità di soggetto proponente, le organizzazioni della società civile e gli agli altri soggetti senza finalità di lucro che, alla data di pubblicazione del bando, siano iscritte all’elenco dedicato (legge sulla Cooperazione internazionale per lo sviluppo) e dimostrino un’effettiva capacità di operare in loco.

Che cosa finanza

Le proposte dovranno afferire ai seguenti tre lotti:
1) inziative in paesi prioritari: Egitto, Tunisia, Etiopia, Kenya, Somalia, Sudan, Sud Sudan, Burkina Faso, Niger, Senegal, Mozambico, Giordania, Iraq, Libano, Palestina, Albania, Bosnia Erzegovina, Cuba, El Salvador, Afghanistan, Myanmar, Pakistan;
2) inziative in paesi non prioritari: Mali, Mauritania, Guinea, Guinea Bissau, Sierra Leone, Ciad, RCA, Eritrea, Camerun, Gibuti, Algeria, Libia, Marocco, Burundi, Tanzania, Uganda, RDC, Rwanda, Zimbabwe, Malawi, Bangladesh, Vietnam, Laos, Cambogia, Colombia, Bolivia, Ecuador, Perù, Nicaragua, Honduras, Guatemala, Costa Rica, Belize, Repubblica Dominicana, Haiti, Kosovo;
3) interventi a sostegno delle comunità cristiane nelle aree di crisi: Egitto, Tunisia, Etiopia, Kenya, Somalia, Sudan, Sud Sudan, Burkina Faso, Niger, Senegal, Mozambico, Giordania, Iraq, Libano, Palestina, Albania, Bosnia Erzegovina, Cuba, El Salvador, Afghanistan, Myanmar, Pakistan, Libia, Mali, Repubblica Centrafricana, Eritrea, Gibuti, Guinea, Guinea Bissau, Kosovo.
Per ogni lotto si accolgono iniziative nei seguenti ambiti:
1 e 2) ambiente; servizi di base, con riferimento specifico a salute e istruzione; sicurezza alimentare e agricoltura sostenibile; sviluppo del settore privato, sostegno alle PMI e creazione di impiego; migrazioni e sviluppo delle comunità locali;
3) servizi di base (istruzione, salute, wash, …); sicurezza alimentare; attività generatrici di reddito; assistenza legale (anche in termini di attuazione delle disposizioni degli ordinamenti locali); riabilitazione e realizzazione di immobili di uso delle comunità interessate (scuole, centri comunitari, luoghi di aggregazione, altre infrastrutture distrutte da attentati ad eccezione di luoghi di culto, …), sia attraverso opere civili che con acquisto di attrezzature; supporto ai difensori dei diritti umani; tutela del patrimonio culturale e religioso in pericolo; favorire la convivenza tra minoranze cristiane e comunità ospitanti, promuovendo l’educazione alla pace e ai diritti umani; contrasto alla diffusione della pandemia da Covid-19.

Informazioni

Se sei alla ricerca di contributi e hai domande riguardo alla partecipazione ai bandi, scrivi a ReteSicomoro.