Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Il sussidio della CEI per la celebrazione del Natale

Il documento della CEI “Dov’è colui che è nato?” formula due proposte, una per la novena di Natale e una per la notte di Natale.

Dov’è colui che è nato? è il titolo del sussidio per la celebrazione del Natale 2021 a cura dell’Ufficio Liturgico Nazionale della CEI. Il documento si divide in due parti: “Per la novena di Natale” e “Nella notte di Natale”. La preghiera della novena di Natale è una tradizione diffusa e in certi luoghi viene celebrata in momenti, come prima dell’alba e dopo il tramonto, che richiedono un movimento, dalla propria abitazione alla chiesa, carico di significati profondi: l’attesa vigilante, il cammino, la veglia carica di speranza.

Essa è dunque un percorso, simile a quello dei Magi, che rappresentano coloro che vogliono adorare Colui che viene a dare senso alla vita e alla storia e, guidati dalla luce della stella in un sentiero spesso buio e difficoltoso come la nostra vita, cercano Gesù chiedendo «Dov’è colui che è nato?» (Mt 2,2). La proposta della CEI è fatta anche per vivere la celebrazione della novena non solo come un esercizio di devozione e tradizione, ma anche come occasione di catechesi e formazione, in sintonia con l’avvio della prima fase del cammino sinodale.

L’incontro di preghiera, volutamente pensato distinto dalla celebrazione eucaristica, è strutturato in due momenti: prima la guida della stella invita all’ascolto e alla lettura della storia della nostra umanità, poi i doni offerti dai Magi, segni dell’umanità, della regalità e della divinità di Cristo, riflettono le sofferenze, la responsabilità e la speranza dell’umanità. La CEI raccomanda di scegliere con cura coloro che proclamano i testi, che devono essere capaci di dare loro espressione e tono poetico.

La seconda parte del sussidio è una proposta di celebrazione all’inizio della messa nella notte di Natale, facendole precedere l’ufficio delle letture con uno schema alternativo in continuità con la proposta della novena. La preghiera ci pone così in attesa e, come i Magi, ci mette in cammino. Con testi poetici e segni semplici, si scandiscono tre momenti che invitano a passare dal buio alla luce, accogliendo la nascita del Figlio di Dio, salvatore del mondo.

Clicca qui per scaricare il sussidio della CEI per la celebrazione del Natale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email