Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Le guarigioni miracolose nell’arte

Le Gallerie degli Uffizi hanno dedicato al tema una mostra virtuale, presentando e commentando opere dal Trecento al Novecento.

Le immagini sacre si affermarono in maniera particolare a cominciare dai secoli XIII e XIV, con un impatto che influenzò anche le modalità della pratica devozionale quotidiana. Tra esse, un posto del tutto particolare è occupato dalla raffigurazione delle guarigioni miracolose. A loro le Gallerie degli Uffizi hanno dedicato una mostra virtuale, presentando e commentando opere d’arte dal Trecento al Novecento che descrivono la malattia e l’intervento divino.

I risanamenti di difetti fisici o di terribili patologie sono operati in primo luogo da Cristo, dalla Vergine e dagli apostoli, poi da innumerevoli santi e beati. La maggior parte delle tipologie iconografiche delle guarigioni miracolose che si sono succedute nei secoli optano per un gesto solenne o un’intimazione perentoria – come quello di Gesù che accompagna le parole «Lazzaro, vieni fuori!» (Gv 11, 43) -, ma ce ne sono di quelle che scelgono un tono dimesso.

Da Pietro Lorenzetti che illustra gli interventi guaritivi di santa Umiltà da Faenza e dal Beato Angelico che rappresenta i santi Cosma e Damiano che guariscono il diacono Giustiniano, si passa a Pietro da Cortona che dipinge Clemente VIII cura dalla gotta da san Filippo Neri a Rembrandt che incide una scena di Cristo che guarisce gli ammalati in Giudea. Tra le invenzioni rinascimentali e la teatralità barocca, fino alle scelte contemporanee, l’esposizione mostra e racconta come alcuni artisti hanno rappresentato le guarigioni miracolose, tema più che mai centrale in questo momento storico segnato da una pandemia globale.

Guarda qui la mostra virtuale Guarigioni miracolose

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print